Miami Updates: non solo divani. Natuzzi fa partire dalla settimana di Art Basel un progetto di mecenatismo internazionale

Print pagePDF pageEmail page

Adrien Missika, [ham-uh k], 2015, leather, acrylic paint, stainless steel, polypropylene, 800 x 265 x 200 cm, Natuzzi Store, Miami, photo by Monica Schipper

Adrien Missika, [ham-uh k], 2015, leather, acrylic paint, stainless steel, polypropylene, 800 x 265 x 200 cm, Natuzzi Store, Miami, photo by Monica Schipper

Il progetto Natuzzi Open Art non è una novità presentata in questi giorni a Miami in occasione di Art Basel. È una storia partita qualche anno fa dalla sensibilità della multinazionale pugliese per la creatività artistica. La novità però è il riformat del progetto e la ripartenza, dopo qualche anno di stop, orientata più all’arte contemporanea e ai giovani artisti. Ecco da cosa nasce l’opera site specific che Adrien Missika (“alcuni elementi della mia ricerca possono intrecciarsi in modo interessante con la filosofia e l’estetica di Natuzzi” ha dichiarato il giovane artista parigino) ha posizionato a partire da questi giorni nel nuovo flagship store Natuzzi Italia situato subito ai margini del Design District di Miami.

Il negozio è aperto da febbraio 2015, ma è andato avanti in rodaggio fino a questi giorni, aspettando il grande lancio sull’onda della visibilità che solo una manifestazione come Art Basel Miami Beach può garantire. Cogliendo l’occasione di quest’opening abbiamo scambiato 5 minuti di impressioni e visioni con Pasquale Junior Natuzzi, uno dei figli del grande Pasquale Natuzzi: abbiamo scoperto – lo potete scoprire anche voi ascoltandovi l’intervista – che a partire da quest’opera sta per nascere un vero progetto di mecenatismo d’impresa al confine tra arte, design, committenza, arredamento. Da seguire.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community