La Parigi che non si arrende. Ecco le immagini di Fotofever, la coraggiosa fiera che ha scelto di rimanere aperta per non inchinarsi al terrore

Print pagePDF pageEmail page

Fotofever, Carrousel du Louvre 2015 (foto Silvia Neri) 22

Fotofever, Carrousel du Louvre 2015 (foto Silvia Neri) 

Tutto quanto riguardi Parigi, è ovvio, va in questi giorni osservato con uno sguardo che tenga conto della molteplicità di sentimenti che in tutti suscitano i gravi attentati che hanno squassato la Capitale: dolore, apprensione, solidarietà, ma anche indignazione, fierezza, paura. Ma tutto questo non dovrebbe incidere a fondo sulla vita della città e sull’esistenza della popolazione che lì vive o che ci giunge per mille ragioni: altrimenti si sancirebbe una (una ulteriore?) vittoria dei terroristi.
Queste considerazioni hanno convinto la fiera d’arte Fotofever, in corso da giovedì fino a oggi, domenica 15 al Carrousel du Louvre, a rimanere “regolarmente” aperta, al contrario dei colleghi di Paris Photo, che al Grand Palais hanno invece serrato i portoni, così come tutti i musei parigini. Le reazioni, in casi come questi, possono essere diverse e tutte, in qualche modo, motivate: noi scegliamo di seguire le stesse adottate da Fotofever, e vogliamo raccontarvi con una fotogallery com’è questa coraggiosa fiera. Certo, le immagini che vedete sono state realizzate – dalla nostra Silvia Neri – all’opening, quindi prima dei gravi attentati: l’atmosfera, nei giorni successivi, è stata ben diversa…

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community