Calabria non-marittima. Un itinerario all’insegna dell’arte

La Calabria non è solo mare blu e spiagge indimenticabili, ma anche sfondo di luoghi ad alta densità culturale. Qui ve ne proponiamo alcuni, per un itinerario fuori stagione.

1. IL LUOGO

Mimmo Rotella in città. Exhibition view at Casa della Memoria Mimmo Rotella, Catanzaro 2019

Se Rotella ha vissuto in diverse città internazionali, come Parigi e New York, e ha viaggiato tantissimo, nello stesso tempo è rimasto sempre molto legato alla Calabria e a Catanzaro, sua città d’origine. Non a caso nel 2005, un anno prima della sua scomparsa, l’artista ha portato a termine e inaugurato la Casa della Memoria, situata nel centro storico di Catanzaro. Il luogo rivestiva per lui un valore altamente simbolico e affettivo in quanto si tratta della casa di famiglia dove era cresciuto e dove lavorava, come modista di cappellini, la mamma Teresa con cui Rotella ha avuto un legame profondo”. A parlare è Antonella Soldaini, direttore del Mimmo  Rotella  Institute e della Casa della Memoria Mimmo Rotella. “Su progetto di riadattamento dell’architetto Marcello Sestito, l’abitazione, che ora è diventata museo, è stata adibita da Rotella stesso in parte a luogo di raccolta di alcuni ricordi personali (come i cappellini della madre), di importanti documenti (è presente una biblioteca specializzata in cui sono raccolte testimonianze editoriali sull’attività dell’artista) e  di seminali opere (è esposta una selezione di lavori realizzati con le tecniche tipiche di Rotella, che offrono una panoramica significativa sul suo percorso visivo e creativo) e in parte a spazio dove poter fare un’attività espositiva (a oggi molte sono state le mostre organizzate, tra cui una, nel 2018, dal titolo ‘Mimmo Rotella in città’, in occasione del centenario della nascita dell’artista). La Fondazione Mimmo Rotella e il Mimmo Rotella Institute, nel rispetto di quanto indicato dall’artista e nel solco della sua volontà,  continuano quindi a organizzare eventi che vadano a intercettare gli interessi culturali di un pubblico che sia il più vasto possibile. Da quello rappresentato in primis dalla cittadinanza di Catanzaro,  e in particolare dai ragazzi delle scuole, che possono avere nella Casa della Memoria un punto di riferimento importante, a quello più ampio che qui può venire a contatto in modo approfondito con il linguaggio di Rotella e più in generale con quello dell’arte contemporanea”.

2. L’ARTISTA

A. Perna, paesaggio instabile

Il paesaggio, ancor prima che influenzare il mio lavoro, abbia un ruolo fondamentale nel delineare l’identità delle persone. Se, nelle sue fasi iniziali, la mia ricerca, con il lavoro sull’Autostrada SA-RC, ha avuto a oggetto le conseguenze dell’opera dell’uomo sul territorio, in seguito, inquadrando questo rapporto in una prospettiva più ampia, ho in qualche modo ribaltato i termini della questione. Ho infatti realizzato che la precarietà, che io ossessivamente ricerco con il mio lavoro e perseguo nella mia vita, è in primo luogo elemento caratterizzante del paesaggio calabrese”. Per Armando Perna, artista fotografo, classe 1981, nato a Reggio Calabria, la precarietà ha origini storiche: “Si insinua nella vita delle comunità calabresi a partire dalla fine della civiltà magnogreca, con l’avvio della politica di sfruttamento intensivo del suolo avviata dall’Impero romano. Tale processo ha come conseguenza fondamentale l’arretramento dei traffici e degli insediamenti e la nascita di quella ‘civiltà dell’interno’ che condannerà la Calabria a un isolamento che si protrarrà fino alla fine del Settecento (quando inizia il percorso inverso, di discesa della popolazione verso la costa)”. La Calabria nel suo lavoro è protagonista del progetto in progress Nel presente infinito, presentato lo scorso anno a Camera ‒ Centro Italiano per la Fotografia di Torino, nell’ambito del progetto Futures, nella mostra a cura di Giangavino Pazzola, e poi a Roma da Leporello, in un appuntamento a cura di Emilia Giorgi.

3. IL MUSEO

Pino Pingitore, Astratto fluido, 2009. MARCA, Catanzaro 2019

Rimaniamo a Catanzaro, dove a farla da padrone c’è il Marca, Museo delle Arti e polo culturale in città. Nato nel marzo 2008, dispone di una collezione permanente che spazia dall’arte antica ai linguaggi contemporanei, con opere di Antonello de Saliba, Battistello Caracciolo, Alex Katz, Antoni Tàpies, che fu anche protagonista di una grande mostra a cura di Alberto Fiz, Enzo Cucchi e così via. Due note in particolare: il bar, China, è stato realizzato sempre nel 2008 da Flavio Favelli, mentre il bookshop è firmato da Alessandro Mendini. Fino al 31 gennaio, la mostra temporanea è dedicata a Pino Pingitore.

4. IL LUOGO

Il Parco Internazionale della Scultura di Catanzaro from Artribune Tv on Vimeo.

Annesso al Museo Marca c’è il Parco Internazionale della Scultura, protagonista dal 2005 del progetto Intersezioni, presso il Parco Archeologico di Scolacium, un’area verde di sessantatré ettari sulla costa jonica, a dieci chilometri da Catanzaro. In questo luogo magico, denso di storia e di natura, nel tempo sono state realizzate installazioni site specific di artisti contemporanei come Jan Fabre, Antony Gormley, Dennis Oppenheim, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto, Wim Delvoye. A tre anni dall’ultima acquisizione, nel 2019 la collezione si è arricchita di una nuova opera, firmata dal veneziano Gianfranco Meggiato: una scultura, alta quattro metri, che si intitola Il mio pensiero libero.

5. IL FESTIVAL

Filadelfia Festival 2019

Bisogna aspettare fino a maggio, dal 6 al 10 per la precisione, per il Filadelfia Festival, che si svolge nell’omonimo comune in provincia di Vibo Valentia, una kermesse che è anche un premio dedicato alla giovane musica. All’11esima edizione, l’anno scorso, hanno partecipato 300 artisti provenienti da 29 Paesi.

6. MANGIARE & DORMIRE

Grand Hotel Paradiso, Catanzaro Lido

Rimanendo a Catanzaro si mangia da Abbruzzino, con la cucina del talentuoso chef Luca, meno che trentenne, figlio d’arte, poco interessato a cavalcare l’idea di una cucina stereotipata del sud. Tra le sue invenzioni più famose, il dessert Pane, Olio e Zucchero. Si dorme invece al Grand Hotel Paradiso a Catanzaro Lido, tra le migliori strutture in città, in prossimità di un mare che è bello anche d’inverno.

Santa Nastro

Articolo pubblicato su Grandi Mostre #19

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Evento correlato
Nome eventoPino Pingitore - L’anima e la visione/1969-2019
Vernissage30/11/2019 ore 18,30
Duratadal 30/11/2019 al 31/01/2020
AutorePino Pingitore
CuratoriGiorgio Bonomi, Luigi Polillo
Generipersonale, disegno e grafica
Spazio espositivoMARCA - MUSEO DELLE ARTI CATANZARO
IndirizzoVia Alessandro Turco 63 - Catanzaro - Calabria
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.