Passaggio a Nord-Est. Itinerari tra Veneto e Friuli-Venezia Giulia

Complice la Biennale Arte appena inaugurata, gli occhi del mondo sono tutti puntati sul Veneto. Questo itinerario parte proprio da lì per raggiungere poi il Friuli, tra Udine, Pordenone e Trieste. Sulle orme di Sebastiano Ricci e dei fratelli Basaldella.

1. LA FONDAZIONE

Fondazione Coppola, Torrione di Porta Castello, Vicenza. Photo Francesco Castagna

A Venezia per la Biennale d’arte? Non perdete l’occasione di una fuga tra Veneto e Friuli, per riposarvi dalle fatiche delle scarpinate tra Padiglioni e mostre sparsi qua e là. Le occasioni, anche culturali, sono molteplici. A Vicenza, per esempio, inaugura la Fondazione Coppola, che prende il nome da Antonio, il collezionista deus ex machina del progetto e che si colloca nell’iconico Torrione di Porta Castello, uno degli spazi più importanti della città.
Questo nuovo avamposto per l’arte apre al pubblico con la personale di Neo Rauch e Rosa Loy, primizie nel nostro Paese.

2. LA MOSTRA

Jacopo Amigoni, Venere e Amore, 1739 40 ca., olio su tela, 47,6 x 69 cm

Cambiando registro, Belluno ospita, presso Palazzo Fulcis, la mostra Sebastiano Ricci. Rivali ed Eredi. Opere del Settecento della Fondazione Cariverona, che mette il famoso ciclo di opere cosiddette del Camerino d’Ercole (Caduta di Fetonte, Ercole al bivio ed Ercole e Onfale), a firma di Sebastiano Ricci, al centro di una ricognizione sui grandi del Settecento. Tra seguaci e avversari, allievi e sodali, sono molti gli artisti che furono influenzati dal Ricci e che animano il percorso curato da Denis Ton: da Jacopo Amigoni ad Antonio Pellegrini, da Giuseppe Diziani fino al nipote Marco. Quest’ultimo, si legge nei testi introduttivi alla mostra, “impresse al genere del paesaggio la stessa svolta che lo zio stava realizzando nel campo della pittura decorativa e di storia. Una vicenda, quella del paesaggio, in cui gli artisti bellunesi, sino all’Ottocento e a Caffi, daranno un contributo significativo”.

3. IL MUSEO

Casa Cavazzini, Udine

Spostandoci verso il Friuli e approdando a Udine, incontriamo il particolare e bellissimo museo Casa Cavazzini, galleria comunale donata dal collezionista, mecenate e filantropo Dante Cavazzini, restaurata da Gae Aulenti e operativa dal 2012. Un museo che nasconde un piccolo tesoro: le raccolte di quadri e sculture che attraversano i due secoli scorsi, e soprattutto – negli ambienti che furono abitazione di Cavazzini e in parte sede del suo negozio di tessuti ‒ gli arredi e le pitture murarie che l’artista Afro Basaldella, originario proprio di Udine, realizzò nel palazzo nel 1938. Nel museo si trovano anche una intera sala dedicata ai tre fratelli Basaldella (Afro, Mirko e Dino) e, al terzo piano, due notevoli collezioni: la Astaldi, dei coniugi Sante e Maria Luisa, con opere, tra gli altri, di Savinio, De Pisis, Rosai, Sironi, Cagli, Campigli, Doufy, e la curiosa collezione FRIAM, nata grazie al comitato italo-statunitense Friuli Arts and Monuments, a seguito del terremoto che devastò la regione nel 1976. Tra gli artisti che donarono le opere in quell’occasione, Willem de KooningRoy LiechtensteinSol LeWittDonald JuddFrank Stella. Le loro opere sono visibili in quel gioiellino che ancora oggi è Casa Cavazzini.

www.civicimuseiudine.it/it/musei-civici/casa-cavazzini

4. IL FESTIVAL (I)

Trieste Photo Days 2018

Bisognerà invece attendere un po’ e recarsi a Trieste per godersi qualche festival. Tra i più interessanti c’è il Trieste Photo Days, dal 25 al 27 ottobre, quest’anno con ospiti di eccezione quali Martin Parr e Nick Turpin. Il focus è sulla fotografia urbana, declinato attraverso mostre, libri, workshop che mettono al centro il tema della città e delle comunità. Questa manifestazione, nata nel 2014 e promossa da dotART, associazione culturale impegnata sugli stessi temi, è giunta ormai alla sesta edizione.

www.triestephotodays.com

5. IL FESTIVAL (II)

Lorenzo LRNZ Ceccotti per il Trieste science+fiction festival 2017

Più o meno nelle stesse date (dal 29 ottobre al 3 novembre) e per la gioia dei nerd di tutto il Paese, si svolge il Trieste science+fiction festival, forse la manifestazione più importante in Italia dedicata al mondo della fantascienza, che qui si presenta in grande spolvero attraverso cinema, new media, letteratura, fumetti, musica, performing art e installazioni. Le candidature per partecipare sono ancora aperte, nella prossima stagione sarà reso noto il programma.

http://www.sciencefictionfestival.org/

6. MANGIARE E DORMIRE

Urban Design Hotel, Trieste

Come in tutte le terre di confine, in Friuli troverete una commistione affascinante di esperienze e sapori. Nella città cantata da Umberto Saba (“Trieste è la città, la donna è Lina”), vi consigliamo il ristorante Nerodiseppia, gestito da Giulio e Valentina Cusma con, nomen omen, un occhio di riguardo ai prodotti ittici, o la Antica Trattoria Suban, 150 anni di onorata tradizione con digressioni nella cucina dalmata e carsica. Si dorme allo Urban Design Hotel, in città vecchia, progettato da Mauro Oliveti, che mixa alla progettazione in chiave contemporanea reperti archeologici rinvenuti in fase di ristrutturazione e design, con interventi di Simon Benetton e Moroso per sedute e arredi.

trattorianerodiseppia.com
www.suban.it
www.urbanhotel.it

‒ Santa Nastro

Articolo pubblicato su Grandi Mostre #16

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Evento correlato
Nome eventoNeo Rauch / Rosa Loy - La Torre
Vernissage03/05/2019 ore 12 su invito
Duratadal 03/05/2019 al 31/08/2019
AutoriRosa Loy, Neo Rauch
CuratoreDavide Ferri
Generiarte contemporanea, inaugurazione, doppia personale
Spazio espositivoFONDAZIONE COPPOLA
IndirizzoTorrione di Vicenza, corso Palladio 1 - Vicenza - Veneto
Evento correlato
Nome eventoSebastiano Ricci - Rivali ed Eredi. Opere del Settecento della Fondazione Cariverona
Vernissage04/04/2019 su invito
Duratadal 04/04/2019 al 22/09/2019
AutoreSebastiano Ricci
CuratoreDenis Ton
Generearte antica
Spazio espositivoPALAZZO FULCIS - MUSEI CIVICI DI BELLUNO
IndirizzoVia Roma 28 - 32100 - Belluno - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.