Utrecht, splendori antichi e vivacità contemporanea. In 9 tappe

Per le sue piccole dimensioni che incoraggiano i rapporti umani, e quel mix di storia, arte antica e contemporanea, Utrecht è un archetipo di “villaggio globale”, dove la vita scorre placida fra le tipiche case in legno e mattoni, i canali, le antiche chiese e i locali affacciati sull’acqua. In mezzo, una vivace scena culturale, che riserva più di una sorpresa a chi la vive per la prima volta. Meno caotica e meno turistica di Amsterdam, Utrecht è un luogo da scoprire lentamente, passo dopo passo. Cominciamo avventurandoci lungo il canale Oudegracht e i suoi immediati dintorni.

1. MUSEUM SPEELKLOK

Museum Speelklok, Utrecht. Photo courtesy Museum Speelklok, photo Fred Ernst

Lo definiscono “il museo più felice dei Paesi Bassi”. Indubbiamente, un sorriso lo strappa, anche nella più grigia delle giornate nordiche, questa curiosa collezione di strumenti musicali che suonano da soli; una tradizione che data al XVI secolo, con l’invenzione dei carillon per i campanili delle chiese, e che si è affinata nel tempo, come raccontano gli strumenti esposti: pianoforti, organi, carillon da salotto, fino ai moderni congegni robotici.

Steenweg 6
www.museumspeelklok.nl

2. DE BIERVERTELLER

De Bierverteller, Utrecht. Courtesy bierisbest.nl

Sulla Twijnstraat, una delle vie più antiche della città, a pochi passi dall’Oudegracht, sorge questa vera e propria boutique della birra; 580 etichette rigorosamente di produttori locali, e le bottiglie sono vendute in eleganti confezioni di design. Consigliata però anche una bevuta al tavolino, cercando se possibile di intercettare le serate dedicate alle degustazioni guidate.

Twijnstraat 47
www.debierverteller.nl

3. PANDHOF GARDEN

Pandhof garden, Utrecht. Photo visit utrecht.com

Uno scrigno incantato della fine del Trecento, una “foresta di pietra” che racchiude un giardino dal sapore medievale. Nelle giornate di sole (meno rare di quanto si pensi), un piacevole rifugio per la pausa pranzo, per una lettura meditativa, o per un momento a due. In primavera, la siepe fiorita aggiunge un tocco di colore.
Da abbinare alla visita all’adiacente Duomo, superbo esempio di gotico settentrionale.

Domplein 0

4. MUSEUM CATHARIJNECONVENT

Museum Catharijneconvent, Utrecht. Photo visit utrecht.com

Il luogo ideale per scoprire le radici medievali della città. Un antico pellegrinaio, divenuto nei secoli convento carmelitano e ospedale, accoglie dal 1979 la più bella e ricca collezione di arte medievale olandese: sculture, pitture, manoscritti, tessuti, oreficeria. Oltre a un corpus di opere di Rembrandt e altri pittori della Golden Age. Non mancate una visita all’annessa cattedrale di Santa Catharina, costruita alla metà del Quattrocento in severe linee neogotiche.

Lange Nieuwstraat 38
www.catharijneconvent.nl

5. GRAND HOTEL KAREL V

Grand Hotel Karel V, Utrecht. Photo Courtesy Hotel Karel V

Leggermente defilato, ma comunque facilmente raggiungibile, questo raffinato hotel unisce il fascino dell’architettura antica a un alto livello di comfort. Eretto nel 1348 come convento dei Cavalieri Teutonici sul luogo di una sepoltura di epoca romana, da qui partirono molti dei soldati che presero parte alle ultime Crociate. Edificio ministeriale spagnolo durante la dominazione di Madrid, fu anche un ospedale militare; è stato restaurato nel 1992 e convertito in una struttura alberghiera, che mantiene il legame con il passato attraverso i reperti storici esposti all’interno e le fotografie d’archivio. Il Karel V ospita anche mostre temporanee di artisti olandesi. A completare il soggiorno, un raffinato ristorante e un meno impegnativo, ma altrettanto piacevole, bistrot.

Geertebolwerk 1
www.karelv.nl

6. GRAND CAFE LEBOWSKI

Grand Cafe Lebowski, Utrecht. Photo courtesy Grand Café Lebowski

Non un semplice bar, ma un suggerimento di vita. Nello spirito del leggendario personaggi dei fratelli Cohen, un locale scanzonato e accogliente: in mezzo all’arredamento rétro, fra poltrone di gusto anglosassone, un bancone dal piano in marmo e luci soffuse, spuntano giraffe (simbolo del locale), cervi, cani e pappagalli, riprodotti nei modi più svariati. Cucina internazionale, dal Messico al Medio Oriente (senza dimenticare gli hamburger), per accompagnare una vastissima scelta di birre e cocktail.

Domplein 17
www.grandcafelebowski.nl

7. THEATER KIKKER

Theater Kikker, Utrecht. Photo visit utrecht.com

Uno spazio per il teatro sperimentale, la danza contemporanea e la drammaturgia giovanile. Letteralmente “Teatro della Rana”, fu fondato nel 1972 da una associazione studentesca universitaria, nel pieno del primo fermento creativo olandese, e acquistò subito fama di luogo per la cultura d’avanguardia. Ma deriva il nome dal rituale di ammissione dei nuovi studenti: saltare come rane lungo la sala del pub dell’università. Tradizione a parte, il teatro è uno dei luoghi culturali più frequentati della città.

Ganzenmarkt 14
www.theaterkikker.nl

8. CASCO ‒ OFFICE FOR ART, DESIGN AND THEORY

Casco – Office for Art, Design and Theory, Utrecht. Photo visit utrecht.com

Istituzione pubblica per l’arte rigorosamente non profit, nacque nel 1990 per venire incontro alle esigenze dei giovani creativi, ma anche di chi, semplicemente, cercava uno spazio per iniziative culturali; in quasi trenta anni di attività, si sono succedute mostre, performance, dibattiti sull’arte e su tematiche sociali. Un luogo vivace e intrigante, da frequentare se si vuole tastare il polso della città, osservarne i progetti, le urgenze, le speranze, le utopie.

Lange Nieuwstraat 7
http://casco.art/

9. POSTCARDSHOP GROETEN UIT

Groetenuit Postcardshop, Utrecht. Courtesy Groetenuit Postcardshop

Quasi unico nel suo genere in Olanda, un angolo interamente dedicato alle cartolina e ai poster vintage ‒ tutti rigorosamente autentici ‒, che ha da poco celebrato i venticinque anni di attività. Dalla propaganda politica alla pubblicità, passando per il mondo del cinema e gli auguri natalizi, una vasta collezione dove appassionati e semplici curiosi possono trovare pezzi interessanti. In aggiunta, anche stampe e incisioni, data la passione del proprietario per il mondo della “carta d’autore”.

Oudegracht 284
www.facebook.com/pg/groetenuitpostcardshop

Niccolò Lucarelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.