Paris Updates: Maurizio Cattelan alla Monnaie de Paris. Le foto della mostra

Si parte dall’omaggio a Francesca Woodman, per arrivare alle sue opere più dissacranti e controverse: Cattelan mette in scena una mostra perfettamente allestita

Not Afraid of Love - Maurizio Cattelan, La Monnaie. La nona ora ©Silvia Neri
Not Afraid of Love - Maurizio Cattelan, La Monnaie. La nona ora ©Silvia Neri

La settimana della FIAC si dimostra anche quest’anno non solo un momento fieristico, legato al mercato dell’arte, ma anche un’occasione per inaugurare le nuove esposizioni della stagione e promuovere la cultura. Abbiamo visitato in anteprima Not Afraid of Love, l’attesissima mostra di Maurizio Cattelan alla Monnaie di Parigi che aprirà al pubblico venerdì 21 ottobre.
Curata da Chiara Parisi, direttrice delle programmazione culturale del museo francese che aveva anticipato ad Artribune i temi del progetto, l’esposizione presenta un raffinato percorso con le opere maggiori dell’artista padovano.
Definita come un “post requiem show”, la mostra inizia già nella scalinata del palazzo con un quadro visivo d’impatto composto dall’installazione La Donna (omaggio alla fotografa Francesca Woodman) e Novecento. Il pubblico assiste a una studiata mise en place delle opere: nell’infilata di saloni si susseguono le opere dai soggetti religiosi, politico e sociali. Allestimento mostra come ogni opera abbia lo spazio che (contenutisticamente) si merita : La Nona Ora (1999) è al centro della grande sala mentre Him (2001) è isolato un piccolo angolo in fondo al corridoio, Gérard (1999) è sito “dove nessuno lo vede” e All (2007) si prende una stanza immersa nel ritiro e nel silenzio.
Ecco a voi le immagini di questa bellissima esposizione…

– Silvia Neri

21 ottobre 2016 – 8 gennaio 2017
Maurizio Cattelan – Not Afraid of Love
Monnaie de Paris
Parigi –11, Quai de Conti
www.monnaiedeparis.fr

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Silvia Neri
Silvia Neri nasce a Vicenza nel 1985. Si laurea nel 2010 in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Padova con una tesi in Storia dell'Arte contemporanea su Cremaster 3 di Matthew Barney. Nel 2008/2009 collabora con il Centro Nazionale di Fotografia di Padova. Scrive dal 2010 per la rivista AreaArte e collabora con artisti per la realizzazione di video e cortometraggi e allestimento di esposizioni d'arte. Vive a Parigi dove studia Art Contemporain et Nouveaux Medias a un master recherche all'Université di Paris 8 e collabora con la Galerie Bernard Bouche.