London Updates: la terrorista dell’amore Keren Cytter presenta il suo nuovo video. Scaricabile anche online

L’artista israeliana ha messo online un suo video appena prodotto, offrendo a tutti la possibilità di scaricarlo. Un gesto catartico per il video presentato a Frieze

Keren Cytter, Terrorist of love
Keren Cytter, Terrorist of love


Keren Cytter
 è una terrorista d’amore. Così si autodefinisce l’artista israeliana, residente a New York, nata nel 1977, che in occasione di Frieze presenta il suo nuovo video Terrorist of Love, co-commissionato dal sito di vendita di opere d’arte online Artspace e da Daata Editions. Il progetto che ha la sua premiere in questi giorni a Londra in occasione della fiera, tra le più importanti di Europa, ha anche una presentazione mondiale aperta a tutti. Come? Online, cliccando il link che anche noi riportiamo qui sotto e che permette il download immediato e gratuito. In questa produzione, Cytter – nota anche per la sua ricerca che forza i limiti dei medium che sceglie per operare – riconferma il suo interesse per una pratica sperimentale fatta di fratture narrative, diversi piani di lettura e di sovversione del mezzo, attraverso lo humour, ma anche tramite le convenzioni visive che arrivano dal mondo delle gif animate.

COME FECE KEN LOACH
E l’amore? Regna sovrano, cliccare per credere, in questo racconto che scimmiotta in maniera divertente anche i video musicali, fatti di storie romantiche strazianti, che ci giungono dall’India o dal Medio Oriente. Di tanto in tanto si intravede qualche Pokemon e qualche riferimento alla cultura occidentale. Non ci sono sconti per nessuno.  Certo, questa è una operazione calcolata, ma che comunque rimette in discussione anche la relazione tra video d’arte e mercato, aprendo – in un doppio contesto come quello della fiera e quello di un sito di vendita online – al dibattito sulle nuove sfide che internet pone ai temi dell’acquisto e della fruizione dell’opera d’arte. E sembra un po’ richiamare, anche se in maniera del tutto differente, il gesto catartico del regista Ken Loach che la scorsa primavera, dopo aver acchiappato un bel premio a Cannes, ha messo tutti i suoi film su Youtube, in barba alla pirateria e ad una visione della cultura elitaria.

Santa Nastro

www.frieze.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.