All’asta la collezione d’arte di Alain Delon. Da Christie’s Parigi 13 sue sculture di Rembrandt Bugatti

L’icona del cinema francese (e italiano) mette in vendita le opere in occasione dei 100 anni dalla morte del fratello del fondatore della omonima casa automobilistica

Una scultura di Rembrandt Bugatti
Una scultura di Rembrandt Bugatti

Oggi è un artista spesso dimenticato, ma negli anni Dieci del Novecento ha goduto di una grande popolarità per i suoi bronzi di animali. Stiamo parlando di Rembrandt Bugatti, scultore milanese trapiantato fra la Ville lumiere e Anversa e fratello minore di Ettore Bugatti, il fondatore della omonima casa automobilistica. Ora un’asta da Christie’s a Parigi – il prossimo 22 novembre – ne commemorerà il centenario dalla morte, e si scopre che tra i 17 lotti in vendita ci sarà una cospicua selezione dalla collezione personale di Alain Delon, suo grande estimatore: “Quando ho saputo della vendita da Christie’s legata a questo anniversario, ho deciso di partecipare con una selezione dalla mia collezione di Bugatti, per accompagnare Rembrandt, proprio come ho sempre fatto, per quasi 50 anni!”. L’attore francese – oggi ottantenne – celebre interprete di grandi film italiani come Rocco e i suoi fratelli, L’eclisse e Il Gattopardo, ha sempre sentito, infatti, una certa affinità con Bugatti, morto suicida all’età di 32 anni in seguito a una forte depressione che anche Delon ha sperimentato in gioventù, tanto da appassionarsi all’uomo prima e all’artista poi.

DUE GRANDI LEOPARDI DEL 1913
L’ho scoperto insieme a Véronique Fromanger (esperta delle opere di Bugatti N.d.R.) e al mio caro amico Alain Lesieutre“, ha aggiunto Delon. “L’abbiamo fatto conoscere a molte persone e desidero che questo continui”. Andranno così all’incanto – di proprietà dell’attore – 13 celebri bronzetti raffiguranti pantere, cervi, due grandi leopardi del 1913 (stimati tra i 500mila e i 700mila euro), tra cui un elefante africano (scelto da Ettore Bugatti per rappresentare la mascotte dell’automobile Bugatti Royale) e tre gazzelle datate 1904. E Alain Delon sarà in buona compagnia, perché novembre sembra sia il mese prediletto per le aste di collezioni di grandi star e rockstar: si comincia con quella di David Bowie (da Sotheby’s, in tre sessioni distinte il 10 e 11 novembre), messa in vendita dalla famiglia del celebre musicista scomparso a gennaio; per proseguire il 15 novembre con quella di Eric Clapton che ha deciso di mettere all’asta – da Christie’s a New York – un’opera dell’artista Gerard Richter per un valore di 20 milioni di dollari.

Asta: 22 novembre 2016 – ore 18
Esposizione: dal 17 al 21 novembre 2016
Christie’s
9 avenue Matignon, 75008 Parigi
www.christies.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.