Italiani in trasferta. A Dallas la prima personale negli Stati Uniti di Paola Pivi, ecco le immagini

Negli spazi di Dallas Contemporary esposto anche il jet da combattimento G-91 installato a testa in giù, presentato la prima volta nel 1999 all’Arsenale, alla Biennale di Venezia

Paola Pivi, Ma’am (courtesy Dallas Contemporary, fotos Kevin Todora)
Paola Pivi, Ma’am (courtesy Dallas Contemporary, fotos Kevin Todora)

L’opera più spettacolare, sicuramente la più apprezzata dai visitatori, era il jet da combattimento G-91 installato a testa in giù, presentato la prima volta nel 1999 all’Arsenale, alla Biennale di Venezia, quando l’Italia vinse il Leone d’Oro per il miglior padiglione nazionale (che in quel caso era virtuale). Ma Paola Pivi (Milano, 1971) non era certo nuova a installazioni sensazionali: già un paio di anni prima, nel 1997, da studentessa, aveva esposto un camion ribaltato su un fianco nell’ambito di Fuori Uso, a Pescara. Alcune di queste installazioni, compresi i celebri orsi polari ricoperti di piume, sono giunte fino in Texas, per la mostra Ma’am, che negli spazi di Dallas Contemporary ha celebrato i venti anni di carriera della nomadica artista italiana, la sua prima personale negli Stati Uniti, curata da Justine Ludwig, direttore delle mostre e Senior Curator di Dallas Contemporary. L’esposizione si è chiusa il 21 agosto: per chi se la fossa persa, noi la documentiamo con un’ampia fotogallery…

http://dallascontemporary.org/

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.