Arte contemporanea nel carcere di Reading per l’ultimo progetto di ArtAngel. E Patti Smith legge Oscar Wilde

Un carcere inglese diventa sede per eventi d’arte in nome di Oscar Wilde. Succede a pochi chilometri da Londra con Patti Smith, Steve McQueen, Nan Goldin e altri ancora. In memoria dello scrittore irlandese…

Patti Smith
Patti Smith

Un nuovo progetto da ArtAngel, la piattaforma “senza sede” inglese, fondata e diretta da oltre 30 anni da Michael Morris e James Lingwood, con il preciso scopo di rendere possibili progetti incredibili in angoli inaspettati di Londra e del resto del mondo. Era prodotta da ArtAngel, per esempio, la famosa “casa”, House, di Rachel Whiteread a Grove Road nell’East London tra il 1993 e il 1994. La riflessione che l’istituzione noprofit inglese propone quest’anno mette al centro invece Reading Prison, il carcere in cui nel 1895 venne rinchiuso – dopo un processo infamante – lo scrittore e drammaturgo Oscar Wilde. Si intitola, dunque, Inside – Artists and Writers in Reading Prison l’iniziativa che invita artisti, performer e scrittori a confrontarsi con il tema della detenzione e della separazione.

IN NOME DI OSCAR WILDE
In questa occasione il carcere aprirà le porte al pubblico per la prima volta, le stanze, i corridoi e le celle saranno occupati dalle opere di Marlene Dumas, Robert Gober, Nan Goldin, Steve McQueen, Jean-Michel PancinWolfgang Tillmans.  Non solo, una serie di importanti performer, attori e scrittori, quali Patti Smith, Ragnar Kjartansson, Neil Bartlett, Ralph Fiennes, Kathryn Hunter, Maxine Peake, Colm Tóibín e Ben Whishaw saranno coinvolti nel progetto che prevede per tutta la durata dei mesi di settembre e ottobre sessioni domenicali dedicate a Oscar Wilde con letture dalla sua opera De Profundis, nella cappella della prigione. Il carcere, costruito nel 1844 su disegni di George Gilbert Scott, è stato chiuso nel 2013. A maggio 2016 è stato reso noto che lo spazio sarebbe diventato una sede per mostre ed eventi d’arte, soprattutto in occasione del Reading 2016 Year of Culture Programme.

Santa Nastro

https://www.artangel.org.uk

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.