A Londra le aste di Impressionist & Modern Art. Picasso e Modì salvano Sotheby’s, mentre da Christie’s trionfa l’invenduto

Sotheby’s non delude le aspettative con circa 103 milioni di sterline di introito totale e record per Picasso, Modigliani e Munch. Da Christie’s 12 invenduti su 33 lotti in catalogo

Asta
Asta "Impressionist and Modern Art", Londra Sotheby's 21 giugno 2016

Si è svolta da Sotheby’s London l’asta serale dedicata agli Impressionist e Modern Art: ventisette i lotti all’asta, con soli tre invenduti, anche se è uno di questi tre a far notizia, trattandosi un bronzo di Rodin (lotto 14), andato invenduto a 6.200.000 sterline. Incluso il Buyer’s Premium, l’asta ha fruttato 103.280.000 Sterline. A 43,3 milioni di sterline è stato battuto Femme assise di Picasso, che ha battuto il record di ogni opera cubista ad un’asta (il record precedente era di £34,8m per Nature morte à la nappe à carreaux di Juan Gris, venduto nel 2014) ed il record per il prezzo più alto di un dipinto battuto sulla piazza londinese negli ultimi 5 anni (dopo il Walking Man di Giacometti, venduto sempre da Sotheby’s nel 2010 per 65milioni di sterline). Il quadro, del 1909, è tornato sul mercato dopo esser rimasto in una collezione privata fin dal 1973 quando era stato acquistato, sempre da Sotheby’s, per 340mila sterline. A seguire – e in seconda posizione per prezzo di vendita sulla piazza inglese negli ultimi 5 anni – Jeanne Hébuterne (au foulard), un Modigliani del 1919 di cui si era molto parlato nei giorni precedenti all’asta. Se lo sono aggiudicato a 38,5 milioni di sterline: si tratta di un record per un ritratto realizzato da Modì, uno dei più belli della sua musa, l’ultima volta che si era visto sul mercato era il 1986 e fu venduto a quasi 2milioni di sterline. Da segnalare anche il record ottenuto da un’incisione di Munch, l’iconico Urlo, che ha raggiunto la considerevole cifra di 1 milione e 800mila sterline.

Asta "Impressionist and Modern Art", Londra Sotheby's  21 giugno 2016
Asta “Impressionist and Modern Art”, Londra Sotheby’s 21 giugno 2016

DA CHRISTIE’S DUE RECORD NON SALVANO LA SERATA
Anche Christie’s aveva in calendario la sua asta dedicata agli Impressionist e Modern Art: ma in questo caso la serata non è stata delle migliori sopratutto se raffrontata proprio ai successi di Sotheby’s 24 ore prima. 33 i lotti in vendita, per un totale di £25.612.500 inclusi di premium: ben 12 sono stati gli invenduti, e la vendita più attesa della serata, il dipinto di Modigliani Madame Hanka Zborowska, del 1917, usata come opera per la copertina del catalogo, ha realizzato “solo” £8.258.500. Il secondo lotto venduto per importo è stato un Kandinsky a £1.762.500, ad evidenziare la bassa media raggunta dalle aggiudicazioni. Invenduti Kandinsky, Klee, Picasso (2), Rembrandt Bugatti, Renoir, Monet, Ernst, Chagall, Dalì, Kolbe, Beckmann. A risollevare in parte gli animi sono però arrivati due record: per Bernard Buffet con Les clowns musiciens, le saxophoniste, olio su tela del 1991, venduto a £1.022.500, e per Ernst Ludwig Kirchner, con Blaue Artisten, pastello su carta del 1914 battuto a £1.082.500, record mondiale per un lavoro su carta dell’artista.

– Mario Bucolo

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mario Bucolo
Mario Bucolo è fotografo professionista (awards winners come si dice di chi ha ricevuto premi e riconoscimenti internazionali), pur amando definirsi ‘artigiano dell’immagine’, specializzato in architettura, landscape, viaggi. Catanese, vive e lavora a Londra da alcuni anni. Ma Mario Bucolo è anche un esperto in marketing, comunicazione, visibilità e social media prevalentemente per i musei e per il settore cultura, lavorando e presentando studi nel settore sin dal 1991, anche nel ruolo di co-fondatore dell'iniziativa Europea 'Medici Framework' e di editore del portale mondiale sui musei. Nel 2008 ha contribuito, come guest author, all'ultimo libro di Philip e Neil Kotler sul marketing per i musei con un capitolo su "Musei ed E-communication". Nel 2010 è stato candidato alla presidenza di ICOM Italia. Prima ancora, dal 1984, è stato tra i pionieri europei delle applicazioni multimediali interattive (kiosk, Laser disc, Cd-Rom etc).