Bruxelles Updates: da Manifesta a Black Market, grande fermento nella sezione di Art Brussels dedicata al non profit. Ecco il video

C’è grande vita nella piccola sezione che Art Brussels ha dedicato agli spazi non profit. Bruxelles è la città delle grandi fondazioni private, dei grandi collezionisti (belgi, francesi, ma anche italiani ultimamente) che per motivi fiscali e non solo aprono qui spazi espositivi più potenti e impattanti dei musei per mostrare a tutti la loro […]

Lo stand di manifesta ad Art Brussels

C’è grande vita nella piccola sezione che Art Brussels ha dedicato agli spazi non profit. Bruxelles è la città delle grandi fondazioni private, dei grandi collezionisti (belgi, francesi, ma anche italiani ultimamente) che per motivi fiscali e non solo aprono qui spazi espositivi più potenti e impattanti dei musei per mostrare a tutti la loro raccolta di opere. Ma nel sottobosco non si è mai sopita la vivacità dei centri non profit in città, e questa sezione della fiera, benché non dedicata soltanto a realtà brussellesi, ne dà menzione e rende onore a questa scena.

Nel nostro video potete notare gli spazi, dieci, che compongono la sezione. C’è lo stand di Manifesta, che sta per iniziare a Zurigo e che prepara la prossima edizione, quella del 2018, a Palermo. C’è il Black Market con un fitto programma di talk; c’è l’EKKM, il museo di Tallin in Estonia; ci sono due progetti creativi direttamente da Parigi come il DOC e il Khiasma; c’è State of Concept, galleria non profit di Atene che vede coinvolta anche la curatrice italiana Antonia Alampi. E poi c’è Hisk, spazio di Gent, che invita tutti ad inscenare un karaoke…

www.artbrussels.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.