Jan Fabre campione nel dialogo tra Chiesa e arte. Ecco le immagini della sua scultura inaugurata nella Cattedrale di Nostra Signora ad Anversa

Jan Fabre chiamato a rinnovare e rinforzare l’antico dialogo tra la Chiesa e l’arte. Accade ad Anversa, dove proprio oggi si presenta la scultura The man who bears the Cross, commissionata dalla Cattedrale di Nostra Signora. L’artista e performer belga, originario proprio di Anversa, qui ha fondato la sua Factory che da anni determina la […]

Jan Fabre chiamato a rinnovare e rinforzare l’antico dialogo tra la Chiesa e l’arte. Accade ad Anversa, dove proprio oggi si presenta la scultura The man who bears the Cross, commissionata dalla Cattedrale di Nostra Signora. L’artista e performer belga, originario proprio di Anversa, qui ha fondato la sua Factory che da anni determina la trasformazione urbana di un intero quartiere grazie agli interventi di artisti internazionali che si susseguono nel tempo.
La sua scultura in bronzo, che rappresenta un uomo alla ricerca di un possibile equilibrio mentre porta la Croce, collocata all’interno della Cattedrale rappresenta un grande riconoscimento alla sua ricerca sempre attenta alla relazione tra materiale e spirituale, al suo impegno per la città e alla sua posizione nel panorama artistico mondiale. Noi di Artribune eravamo presenti alla cerimonia, e vi mostriamo una gallery dall’inaugurazione: torneremo sull’argomento con una video-intervista a Fabre e un approfondimento sul suo lavoro…

Emilia Giorgi

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emilia Giorgi
Emilia Giorgi (Roma, 1977) è critica e curatrice di arti visive e architettura contemporanee. Dal 2002 al 2009 collabora con il MiBACT, tra le altre attività alla definizione del programma culturale del museo MAXXI di Roma, dove poi lavora dal 2010 al 2012. Come curatrice indipendente ha collaborato tra gli altri con La Triennale di Milano, la Fondazione Feltrinelli, il Centro Pecci di Prato, l’Istituto Centrale per la Grafica, la Fondazione VOLUME!, la Fondazione Pastificio Cerere (Roma). Nel 2015 cura la sezione Cut and Paste del Padiglione Italiano (diretto da Cino Zucchi) della Biennale di Architettura di Venezia. Autrice di numerosi saggi e pubblicazioni, scrive per le principali testate italiane, come Il Manifesto, Artribune, Flash Art, Domus, Abitare, Icon Design. Il suo libro più recente è "Giorni come stanze. Riappropriarsi della città" (Libria, 2020). Fa parte del direttivo dell’IN/ARCH Lazio.