Il design africano alla conquista del mondo. Immagini e video della mostra al via al Guggenheim Museum di Bilbao

L’esposizione, alla sua seconda tappa dopo l’esordio al Vitra Design Museum, racconta le trasformazioni di un continente con un efficace approccio interdisciplinare, che fa dialogare arte e design, architettura e illustrazione, moda e fotografia. Apre al pubblico venerdì 30 ottobre al Guggenheim Museum di Bilbao la mostra Making Africa. A continent of conteporary design, curata […]

L’esposizione, alla sua seconda tappa dopo l’esordio al Vitra Design Museum, racconta le trasformazioni di un continente con un efficace approccio interdisciplinare, che fa dialogare arte e design, architettura e illustrazione, moda e fotografia. Apre al pubblico venerdì 30 ottobre al Guggenheim Museum di Bilbao la mostra Making Africa. A continent of conteporary design, curata da Amelie Klein del Vitra e da Petra Joos.

Noi siamo andati a vederla in anteprima, e presto ve la racconteremo nei dettagli: intanto qui vi mostriamo alcune foto e un piccolo video della cantante Taali M che ha accolto i giornalisti intonando una canzone dedicata a Nelson Mandela…

Emilia Giorgi

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emilia Giorgi
Emilia Giorgi (Roma, 1977) è critica e curatrice di arti visive e architettura contemporanee. Dal 2002 al 2009 collabora con il MiBACT, tra le altre attività alla definizione del programma culturale del museo MAXXI di Roma, dove poi lavora dal 2010 al 2012. Come curatrice indipendente ha collaborato tra gli altri con La Triennale di Milano, la Fondazione Feltrinelli, il Centro Pecci di Prato, l’Istituto Centrale per la Grafica, la Fondazione VOLUME!, la Fondazione Pastificio Cerere (Roma). Nel 2015 cura la sezione Cut and Paste del Padiglione Italiano (diretto da Cino Zucchi) della Biennale di Architettura di Venezia. Autrice di numerosi saggi e pubblicazioni, scrive per le principali testate italiane, come Il Manifesto, Artribune, Flash Art, Domus, Abitare, Icon Design. Il suo libro più recente è "Giorni come stanze. Riappropriarsi della città" (Libria, 2020). Fa parte del direttivo dell’IN/ARCH Lazio.