La mostra? In salotto. E la performance? In cucina. A Bologna Ca’ Publique porta l’arte contemporanea in appartamenti privati. Per soli tre giorni.

A Bologna, nove appartamenti del centro si presteranno ad accogliere per tre giorni – dal 18 al 20 giugno, dalle 19 alle 23 – mostre, performance, installazioni site-specific e video. È la rassegna Ca’ Publique che riprende un format già ampiamente testato in altre città italiane, da Firenze con Private Flat, a Siena con RSVP. […]

Cosimo Terlizzi, Ritratto di famiglia

A Bologna, nove appartamenti del centro si presteranno ad accogliere per tre giorni – dal 18 al 20 giugno, dalle 19 alle 23 – mostre, performance, installazioni site-specific e video. È la rassegna Ca’ Publique che riprende un format già ampiamente testato in altre città italiane, da Firenze con Private Flat, a Siena con RSVP.
La rassegna, all’esordio quest’anno, in realtà nasce da due affermate esperienze culturali bolognesi, Nosadella.dueMaisonVentidue, ormai veterane della fruizione di arte e teatro in spazi domestici e non convenzionali. Nei tre giorni di Ca’ Publique, dieci artisti adatteranno il loro lavoro all’ambiente informale, all’atmosfera intima e al vissuto quotidiano di abitazioni private. Ospiti e un po’ intrusi, esploreranno i temi della famiglia, della memoria, dei ricordi e dell’idea stessa di casa, con la curatela di Francesca Apolito e Flavia Zaganelli.
Gli artisti in calendario sono: Rita Correddu, Eleonora Massa, Chiara Mu, Nicola Pellegrini e Ottonella Mocellin, Lara Russo, Mirko Smerdel, Matilde Soligno, Cosimo Terlizzi, Clara Turchi.

Marta Pettinau

www.nosadelladue.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Pettinau
Marta Pettinau nasce ad Alghero nel 1984, dove al momento vive e lavora. Ma con la valigia in mano. Laureata a Sassari in Scienze dei Beni Culturali, ha conseguito nel 2011 la laurea specialistica in Progettazione e Produzione delle Arti Visive presso lo IUAV di Venezia, con una tesi dal titolo “La Biennale Internazionale di Istanbul. Storia, luoghi, esiti di una biennale post-periferica”. Co-curatrice del progetto RI-CREAZIONE per 1:1projects, a Roma, nel 2009; nello stesso ha curato la collettiva Verso Itaca presso Metricubi, a Venezia. Ha collaborato con l’ufficio stampa del Festival dell’Arte Contemporanea di Faenza. Ora è curatrice indipendente e giornalista freelance.