Ecco tutti gli artisti presenti alla Biennale di Berlino 2014. Da Tacita Dean a Olaf Nicolai, a Danh Vo: il via il 28 maggio, pronti a seguirla live su Artribune

Il countdown è ormai strettissimo: dieci giorni, e vedrà la luce l’ottava edizione della Biennale di Berlino, curata da un globetrotter con un curriculum internazionale doc che arriva dal Messico e si chiama Juan A. Gaitán. Fervono i preparativi nelle tante venues della rassegna, in primis il KW Institute for Contemporary, e poi la Haus […]

Tarek Atoui Dahlem Sessions, 2013 – Ongoing Sound recording project in progress Courtesy Tarek Atoui Photo- Marcin Malaszczak

Il countdown è ormai strettissimo: dieci giorni, e vedrà la luce l’ottava edizione della Biennale di Berlino, curata da un globetrotter con un curriculum internazionale doc che arriva dal Messico e si chiama Juan A. Gaitán. Fervono i preparativi nelle tante venues della rassegna, in primis il KW Institute for Contemporary, e poi la Haus am Waldsee, e il Museen Dahlem: eppure, fino a ieri non si conosceva un dato certo non secondario, come la lista degli artisti invitati. C’erano tante anticipazioni, ma solo ora la biennale ha comunicato l’elenco ufficiale, dopo gli ultimi ritocchi. Artribune si occuperà ampiamente dell’evento, on air dal 28 maggio al 3 agosto, con un ampio articolo di presentazione e con più di un inviato sguinzagliato per la Capitale a cerca di novità, curiosità, anteprime. Per ora, quindi, ci limitiamo a comunicarvela, questa ritardataria lista: A voi le considerazioni: Saadane Afif, Andreas Angelidakis, Julieta Aranda, Tarek Atoui, Patrick Alan Banfield, Zachary Cahill, Tacita Dean, Mariana Castillo Deball, Agatha Gothe-Snape, Irene Kopelman, Matts Leiderstam, Goshka Macuga, Shahryar Nashat, Olaf Nicolai, Judy Radul, Anri Sala, Slavs and Tatars, Tonel, Danh Vo, David Zink Yi, Carla Zaccagnini.

www.berlinbiennale.de

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.