A che punto è la costruzione della nuova Fondazione Prada? Fra Design week agli sgoccioli ed Expo 2015 sempre più vicina, a Milano si lavora: ecco qualche immagine

Mentre Milano si divide fra Design week agli sgoccioli ed Expo 2015 sempre più all’ordine del giorno, proseguono i lavori per la riqualificazione della nuova sede della Fondazione Prada, istituzione attiva dal 1995 nei settori della cultura e dell’arte contemporanea. Affidati da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli a Rem Koolhaas, la loro ultimazione è prevista […]

Mentre Milano si divide fra Design week agli sgoccioli ed Expo 2015 sempre più all’ordine del giorno, proseguono i lavori per la riqualificazione della nuova sede della Fondazione Prada, istituzione attiva dal 1995 nei settori della cultura e dell’arte contemporanea. Affidati da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli a Rem Koolhaas, la loro ultimazione è prevista per la primavera 2015, in concomitanza proprio con l’Expo e con il compleanno ventennale della Fondazione. Un progetto di recupero e trasformazione di un complesso edilizio risalente agli anni Dieci del secolo scorso e situato nella zona sud di Milano, in largo Isarco, tra viale Ripamonti e Corso Lodi.
Il Comune e Prada hanno firmato una convenzione che prevede la riqualificazione dell’area e di alcuni edifici industriali che da anni versano in stato di degrado (9.961 mq) e la costruzione di tre nuove strutture (11.822 mq), per una superficie totale di 21.783 mq. Il progetto previsto da Koolhaas include la creazione di un blocco dedicato a mostre temporanee, un auditorium e una torre di nove piani utilizzata per l’esposizione a rotazione delle opere già presenti nella collezione permanente della Fondazione. Solo gli spazi espositivi – esistenti ed ex novo – occuperanno una superficie di 13.400 mq, e saranno il frutto dell’ibridazione linguistica tanto cara alla maison: non solo arte e moda quindi, ma architettura, design, cinema, fotografia, musica. L’area ospiterà inoltre una sezione appositamente dedicata alle opere e alle istallazioni di grandi dimensioni, acquisite dalla Fondazione in questi ultimi venti anni.
Un progetto imponente dunque, architettonicamente e non, che comprende la costituzione di un polo museale capace di ospitare mostre, sfilate ed eventi culturali di ogni tipo. Un progetto anche ambizioso perché ricerca la perfetta integrazione tra vecchio e nuovo, e si prefissa di innescare meccanismi virtuosi di rigenerazione urbana. Un buon esempio di sinergia riuscita – economica e di intenti – tra istituzioni pubbliche e fondazioni private. La convenzione firmata da Prada e dall’Amministrazione comunale prevede infatti una serie di servizi e agevolazioni per i cittadini, in particolare per gli studenti universitari e delle scuole medie inferiori e superiori. Sarà finanziata, inoltre, una borsa di studio annuale riservata ai neolaureati provenienti dagli atenei milanesi. Intanto, nella gallery vediamo lo stato di avanzamento dei lavori, grazie alle immagini di Urbanfile

– Giulia Mura

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.