Lo Strillone: Italia Oggi racconta il progetto della Aishti Foundation, nuovo polo culturale in quel di Beirut. E poi Peter Eisenman progetta a Milano, la Spagna celebra El Greco, Le Figaro sbeffeggia l’Italia per il disastro di Pompei…

Nuove architetture: Italia Oggi a Beirut per presentare la Aishti Foundation, ventimila metri quadri pronti nel 2015 per diventare piattaforma dedicata alle arti e alla cultura. I progetti milanesi di Peter Eisenman occupano invece le colonne di Corriere della Sera. Dite la verità: vi mancavano i suoi Sgarbi Quotidiani! Il buon Vittorio li tramuta in […]

Quotidiani
Quotidiani

Nuove architetture: Italia Oggi a Beirut per presentare la Aishti Foundation, ventimila metri quadri pronti nel 2015 per diventare piattaforma dedicata alle arti e alla cultura. I progetti milanesi di Peter Eisenman occupano invece le colonne di Corriere della Sera.

Dite la verità: vi mancavano i suoi Sgarbi Quotidiani! Il buon Vittorio li tramuta in Settimanali sulle colonne de Il Giornale, dicendo la sua – questa volta – sul can-can attorno alla proposta di legge sulle quote rose. Libero torna sulla colletta via web per il restauro della chiesa romana di San Francesco a Ripa.

Renato Barilli a Villa Borghese per la retrospettiva su Giacometti che si prende l’apertura di pagina su L’Unità. La parabola di El Lissitzky a Rovereto e su Avvenire; grande spazio su La Stampa per le celebrazioni che in Spagna ricorda i quattrocento anni dalla morte di El Greco mentre La Repubblica approfondisce il ticket Rosso Fiorentino – Pontormo a Palazzo Strozzi.

Panorama racconta l’avventura di Vittorio Hodara, imprenditore metalmeccanico che in quel di Milano si è reinventato designer di successo; L’Espresso riprende il reportage con cui Le Figaro sbeffeggia la nostra incapacità di gestire Pompei. Su Il Venerdì Nan Goldin in mostra tra il Louvre e la sede romana di Gagosian, foto anche su Sette per Candida Höfer a Mantova.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.