Bologna Updates: Flavio Favelli, il divo. Non perdetevi i video della scioccante installazione/performance andata in scena ieri sera all’Oratorio di San Filippo Neri

Come per ogni “grande evento” che si rispetti, tutto è avvolto dal più ristretto riserbo. E infatti nelle ore che precedono, il tam tam si infittisce, e l’”art system” accorre massicciamente all’Oratorio di San Filippo Neri, per assistere all’installazione/performance di Flavio Favelli.Il titolo è La Vetrina dell’Ostensione VI, e si iscrive in una serie di […]

Come per ogni “grande evento” che si rispetti, tutto è avvolto dal più ristretto riserbo. E infatti nelle ore che precedono, il tam tam si infittisce, e l’”art system” accorre massicciamente all’Oratorio di San Filippo Neri, per assistere all’installazione/performance di Flavio Favelli.Il titolo è La Vetrina dell’Ostensione VI, e si iscrive in una serie di eclettici progetti che propone ormai da tempo: e come “testo” accompagnatorio c’è solo la dicitura “Diciannove minuti d’insostenibile bellezza”. Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per creare attesa, compresa la suggestiva location, sorvegliata dall’Ecce Homo di Ludovico Carracci. Lunghissima coda di spettatori inferociti che restano fuori da una sala stipata all’inverosimile: si abbassano le luci, si alza l’ideale sipario, e – sulle note di A view toa kill dei Duran Duran! – esce lui, il divo, che mette in scena la più efficace delle dissacrazioni, lasciando allibiti gli ingessati e composti ospiti. Non vi raccontiamo altro: ci sono i video, commentate voi…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.