Verso la Biennale: ultimi giorni per sostenere il Padiglione Italia. Al traguardo il progetto di crowdfunding: ecco come si arrotonda il budget di vice versa

Meno di un mese allo start. La Biennale di Venezia è alle porte e il fermento è già tutto nell’aria. Scadenza imminente, prima dei fatidici tre giorni di opening, è quella che riguarda il Padiglione Italia, curato da Bartolomeo Pietrtomarchi: finanziato con 600.000 deuro, il progetto espositivo, che accoglierà i lavori di quattordici artisti italiani […]

Biennale di Venezia, ingresso del Padiglione Italia

Meno di un mese allo start. La Biennale di Venezia è alle porte e il fermento è già tutto nell’aria. Scadenza imminente, prima dei fatidici tre giorni di opening, è quella che riguarda il Padiglione Italia, curato da Bartolomeo Pietrtomarchi: finanziato con 600.000 deuro, il progetto espositivo, che accoglierà i lavori di quattordici artisti italiani di diverse generazioni, sta provando a integrare il suo budget tramite un’azione di crowdfunding: a partire dallo scorso 12 febbraio chi desidera sostenere il Padiglione può versare un  contributo volontario (da un minimo di 5 euro fino a un massimo  di 10mila) , secondo quella logica partecipativa e collaborativa così diffusa di recente.
E sono ancora tre i giorni che separano dalla dead line: c’è tempo fino al 12 maggio, alle ore 12, per dare una mano a vice versa, scegliendo di essere non solo fruitori ma anche micro produttori. A cosa serviranno i fondi raccolti? Dalle produzioni delle opere alla mediazione culturale, dalla promozione e la comunicazione all’organizzazione di un convegno conclusivo.

E come previsto dal format standard delle pratiche di crowfunding, a ogni donazione corrisponde un benefit: chi versa il suo obolo vedrà il proprio nome in un elenco esibito all’ingresso del Padiglione Italia e stampato sul catalogo e sul sito della mostra; e poi ci sarà una cartella con stampe a tiratura limitata degli artisti, numerate e firmate in originale, delle copie del catalogo firmate, dei pacchetti di visite guidate, un invito per l’inaugurazione, degli incontri con artisti e curatore.
Ultimo sforzo, dunque, per raggiungere il traguardo e concedersi il privilegio di partecipare al primo progetto di “produzione dal basso” avviato da un’istituzione pubblica italiana, sull’esempio di simili esperienze internazionali: dalle campagne Tous Mécènes del Louvre e Let’s Build a Goddamn Tesla Museum negli Stati Uniti.

www.viceversa2013.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.