Lo Strillone: voglio una Biennale più riflessiva rivela a Sette il direttore della Tate Modern. E poi Bray strizza l’occhio ai privati, arte e vino in Toscana chez Antinori, in crescita per la Francia il turismo dalla Cina…

Meno chiasso, più intimismo: così Chris Dercon, direttore della Tate Modern, rivela a Sette cosa si aspetta dall’imminente Biennale. Si beve bene su Panorama, con Rosa Barba al lavoro nello spazio espositivo delle cantine Antinori; L’Espresso a Roma per le suggestioni newyorchesi in mostra, fino a luglio, al Palazzo delle Esposizioni. Tutti pazzi per Bray: […]

Quotidiani
Quotidiani

Meno chiasso, più intimismo: così Chris Dercon, direttore della Tate Modern, rivela a Sette cosa si aspetta dall’imminente Biennale. Si beve bene su Panorama, con Rosa Barba al lavoro nello spazio espositivo delle cantine Antinori; L’Espresso a Roma per le suggestioni newyorchesi in mostra, fino a luglio, al Palazzo delle Esposizioni.

Tutti pazzi per Bray: tiene banco la relazione del Ministro dei Beni Culturali alle commissioni riunite di Camera e Senato. La Stampa analizza il programma punto per punto, Corriere della Sera si concentra sull’apertura ai privati, con la prossima battaglia in favore della fiscalità di vantaggio.

Mostre: Libero propone le architetture di Mauro Andreini a Pistoia; Renato Barilli invita a Milano, dalle colonne de L’Unità, per la retrospettiva su Guglielmo Ciardi. E intanto Parigi gongola: su Italia Oggi il boom del turismo dalla Cina, che fa della Francia meta prediletta in Europa. Ve la racconto io la Grecia, tra echi omerici e musica popolare: La Repubblica anticipa Tefteri, ultima fatica letteraria di Vinicio Capossela

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.