Maurizio Cattelan regala a Milano il suo dito medio, ovvero il suo L.O.V.E.. Si balla in Piazza Affari con Manolo e la sua orchestra: foto e video del party più kitsch dell’anno

Pane e salamella, zucchero filato e orchestrina di liscio: un dito in un occhio se si pensa alla location del party in salsa paesana, quella pettinata Piazza Affari centro della finanza milanese. Ma considerato che il dito in questione è ben più che figurato, la situazione si veste di ben altro significato. A portare Riccione […]

Boeri e Cattelan

Pane e salamella, zucchero filato e orchestrina di liscio: un dito in un occhio se si pensa alla location del party in salsa paesana, quella pettinata Piazza Affari centro della finanza milanese. Ma considerato che il dito in questione è ben più che figurato, la situazione si veste di ben altro significato. A portare Riccione a Milano e trasformare il regno della speculazione in una “Festa dell’Unità” è Maurizio Cattelan: per la donazione alla città del suo L.O.V.E., il dito medio eretto verso tutto e tutti, mette in piedi un evento in puro stile nazpop.

Free drink a base di Amaretto di Saronno – supperter ufficiale della serata -, kitsch e trash come se piovesse; clima ridanciano e sbracato quanto basta per una serata a metà strada tra Fellini e Garrone. E per chi non c’era, musica maestro! Con i commenti a caldo di un pubblico divertito e fotogallery a nastro…

– Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.