Lo Strillone: niente più navi da crociera a Venezia davanti a San Marco su La Repubblica. E poi Mario Resca, l’estensione della Tate Modern, Pier Luigi Battista su Caravaggio…

“Ci lascio il cuore e tanti problemi”. Beh, giusto quello: perché quanto a soluzioni utili… Un amaro Mario Resca confida a Quotidiano Nazionale delusioni e speranze deluse, a meno di venti giorni dal suo annunciato addio al MiBAC. una breve su L’Unità per l’interrogazione parlamentare con cui Veltroni chiede a Ornaghi  i motivi della scomparsa […]

Quotidiani
Quotidiani

“Ci lascio il cuore e tanti problemi”. Beh, giusto quello: perché quanto a soluzioni utili… Un amaro Mario Resca confida a Quotidiano Nazionale delusioni e speranze deluse, a meno di venti giorni dal suo annunciato addio al MiBAC. una breve su L’Unità per l’interrogazione parlamentare con cui Veltroni chiede a Ornaghi  i motivi della scomparsa dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi. Ci sarà invece il ministro Passera, oggi al Maxxi, per l’assemblea pubblica con cui Civita lancia proposte sul futuro della cultura e dell’arte: fonte Il Sole 24 Ore.

Niente più transito delle grandi navi da crociera per Venezia, e niente più inchino davanti San Marco: felicitazioni su La Repubblica, ma attenzione alle deroghe, le proroghe e i mille cavilli all’italiana che non solo in laguna possono portare ad aggirare una norma sacrosanta. Solo una manchette su La Stampa per l’inaugurazione di The Tank, estensione della Tate Modern che ne aumenta di due terzi gli spazi espositivi.

Equiparata al presidente della Lazio Lotito negli Out de Il Fatto Quotidiano la povera Gioconda, con gli scavi partiti ieri alla sua presunta sepoltura fiorentina; intanto le riflessioni di Pier Luigi Battista sul caso Caravaggio a Milano conquistano l’occhiello sulla prima di Corriere della Sera. LaChapelle in mostra a Lucca: recensione su Il Giornale.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.