Della serie: le anteprime di Artribune, di cui non potete fare senza. Premio New York, artisti in trepidante attesa. Chi spera, chi scommette. E noi intanto vi diamo i nomi

L’11 maggio è scaduto il termine per partecipare alla decima edizione dell’ambitissimo e italianissimo Premio New York, indetto dall’Istituto di Cultura Italiano a New York e dalla Italian Academy for Advanced Studies della Columbia University. Forse il miglior trampolino di lancio per gli artisti emergenti nostrani, uno di quei premi che ti proiettano, in automatico, […]

Anna Franceschini, The player may not change his position, 2009 - still video

L’11 maggio è scaduto il termine per partecipare alla decima edizione dell’ambitissimo e italianissimo Premio New York, indetto dall’Istituto di Cultura Italiano a New York e dalla Italian Academy for Advanced Studies della Columbia University. Forse il miglior trampolino di lancio per gli artisti emergenti nostrani, uno di quei premi che ti proiettano, in automatico, nel circuito che conta. Ma che, per riuscire a metterselo in curriculum, in qualche modo devi starci già dentro a quel circuito dorato. Tanti ci provano, pochi ci sperano. E quest’anno, a chi è toccato il bacio della Moira? Artribune, a due mesi dalla chiusura dei giochi, ha in mano l’esclusiva. Un uccellino ci confida infatti che i due fortunati per il 2012 sono Francesco Arena e Anna Franceschini: non lo hanno detto ancora a nessuno, ma saranno già in pieni preparativi per la partenza. Perché il premio, quest’anno, riservava due fellowship di quattro mesi, con tanto di assegno mensile di 4000 dollari per vitto e alloggio, uno studio a disposizione presso l’ISCP, biglietto aereo per Nyc dall’Italia, coperture assicurative e tutte le consulenze necessarie per la concessione del visto. Pacchetto completo.
Certi che desso pioveranno le solite polemiche, miste a sincere esultanze, facciamo intanto molti auguri ai fortunati, nell’attesa della mostra di rito, che giungerà, come sempre, a chiusura residenza.

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.