Cucina affettiva e benessere, ovvero Comfort Food. È il ristoro creativo a Pitti Uomo, Francesca Pazzagli ce lo racconta in video…

“Cucina affettiva”, cibo della nostalgia, cibo dell’affetto. In altre parole Comfort Food. Si chiama così il progetto curato dal creative space Archivio Personale – specializzato in Set-Design, Grafica ed Event-Production e attivo a Firenze e Londra – per i punti ristoro di Pitti Uomo, a Firenze. “Chioschi che raccontano, attraverso degustazioni e punti di acquisto, […]

“Cucina affettiva”, cibo della nostalgia, cibo dell’affetto. In altre parole Comfort Food. Si chiama così il progetto curato dal creative space Archivio Personale – specializzato in Set-Design, Grafica ed Event-Production e attivo a Firenze e Londra – per i punti ristoro di Pitti Uomo, a Firenze. “Chioschi che raccontano, attraverso degustazioni e punti di acquisto, i prodotti provenienti dalle eccellenze gastronomiche italiane”. Videointervista all’architetto Francesca Pazzagli, che presenta il progetto, e da Pitti Uomo lancia la proposta di una fiera slow…

– Valentina Silvestrini

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.