Appunti di viaggio da Los Angeles. Un tour nella notte, raccontato da uno dei nostri corrispondenti oltreoceano. Blitz nella Night Gallery, pareti total black e apertura fino a tarda ora

Se New York non dorme mai, a Los Angeles ci si sveglia presto. Il sole, caldissimo, non ha pietà, e quando la notte avanza ci provano le insegne al neon e i fari delle automobili a illuminare le palme lungo gli ampi viali metropolitani. Ieri sera decido di sfuggire all’oscurità: mi lascio downtown alle spalle […]

Da sinistra: Mieke Marple e Davida Nemeroff della Night Gallery di Los Angeles - foto Noah Webb

Se New York non dorme mai, a Los Angeles ci si sveglia presto. Il sole, caldissimo, non ha pietà, e quando la notte avanza ci provano le insegne al neon e i fari delle automobili a illuminare le palme lungo gli ampi viali metropolitani. Ieri sera decido di sfuggire all’oscurità: mi lascio downtown alle spalle e guido verso nord, poi verso est, supero lo stadio dei Dodgers, alzo il volume dello stereo, vado avanti. Mi fermo, riparto, parcheggio, scendo dalla macchina. Mi sono perso, qui è buio davvero; meglio chiedere al tipo del camioncino dei tacos. Ecco la mia imprevista meta: Lincoln Heights, dal martedì al giovedì la Night Gallery è aperta fra le 22 e le 2. In questi stanzoni prima c’era un venditore all’ingrosso di palloncini colorati, festoni, piatti e forchette di plastica, quella roba che si usa per le feste di compleanno, gli anniversari, i matrimoni, i funerali.
Quando circa tre anni fa Davida Nemeroff ha preso questo spazio, su una cosa aveva le idee chiare: colorare le pareti integralmente di nero. Ma anche se tutto questo buio potrebbe riportare alla mente qualche macabra immagine dell’omonima serie televisiva degli anni Settanta (Night Gallery – Mistero in galleria), qui invece si festeggia, si beve, si fuma, si guarda una mostra e si chiacchiera con gli artisti, con un po’ di curiosi e persino con qualche nottambulo in ciabatte e pigiama. Collettive, personali, proiezioni, performance. La rotazione, curata da Davida e dalla sua collaboratrice, Mieke Marple, va dalle due settimane a un mese. Fino al 31 maggio c’è Group Shower, con lavori di Chris HankeClaire KohneAri Marcantonio e Max Schwartz. Good night!

Marco Annunziata

www.nightgallery.ca

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marco Annunziata
Marco Annunziata, nato e cresciuto a Firenze, vive e lavora tra Italia, California e Cina. E' laureato in Architettura con una specializzazione in comunicazione visiva. Le sue foto e i suoi articoli su arte, moda e lifestyle sono stati pubblicati da Vogue Italia, Time Out Beijing, Posi+tive Magazine, Rolling Stone Indonesia, Dossier Journal, GQ, Elitism, YHBHS, e altri.