Vuoi esporre nella galleria di Cattelan e Gioni a New York? Hennessy Youngman apre lo spazio a tutti. L’art-rapper diventa curatore e chiama Internet a rapporto

Di Hennessy Youngman abbiamo parlato diverse volte nei mesi scorsi. Art Thoughtz, la serie di video di Youtube in cui commenta e ironizza sul mondo dell’arte, è ormai popolarissima. L’ultimo messaggio dell’art-rapper più famoso del momento è però un po’ diverso dai precedenti. Stavolta Hennessy si presenta in veste di artista-curatore e invita “Internet” a […]

Di Hennessy Youngman abbiamo parlato diverse volte nei mesi scorsi. Art Thoughtz, la serie di video di Youtube in cui commenta e ironizza sul mondo dell’arte, è ormai popolarissima. L’ultimo messaggio dell’art-rapper più famoso del momento è però un po’ diverso dai precedenti. Stavolta Hennessy si presenta in veste di artista-curatore e invita “Internet” a riempire di contenuti la sua mostra newyorkese. Qual è la location? Family Business, ovviamente, lo spazio (mini, come da tradizione) aperto da Maurizio Cattelan e Massimiliano Gioni a Chelsea lo scorso 16 febbraio.
La mostra si intitola It’s a small, small world e si inserisce all’interno del progetto The Virgin Show curato da Marylin Minter. Tutti sono invitati a partecipare e qualsiasi tipo di lavoro è ammesso, l’importante è portarlo a destinazione tra venerdì 30 marzo e domenica 1 aprile. Con un’avvertenza: considerate le dimensioni dello spazio, è molto probabile che le opere verranno accatastate e forse anche danneggiate. Se siete pronti a correre il rischio, guardate il video qui sotto che contiene tutte le istruzioni del caso…

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.