Lo Strillone: il contromanifesto della cultura di Vittorio Sgarbi su Il Giornale. E poi Torino capitale del contemporaneo?, Bruno Giacometti, Edward Kienholz al Museo Tinguely…

Torino è ancora la capitale del contemporaneo in Italia? Lo sarà domani? La Stampa invita al Circolo dei Lettori: a caccia di risposte, oggi, Luca Beatrice ne parla con Ludovica Carbotta e Valerio Berruti. Roberto Meneghetti in mostra a Roma nelle brevi de L’Unità; Klimt al Museo Correr nelle segnalazioni di Europa. Ora sì: Niemeyer […]

Quotidiani
Quotidiani

Torino è ancora la capitale del contemporaneo in Italia? Lo sarà domani? La Stampa invita al Circolo dei Lettori: a caccia di risposte, oggi, Luca Beatrice ne parla con Ludovica Carbotta e Valerio Berruti. Roberto Meneghetti in mostra a Roma nelle brevi de L’Unità; Klimt al Museo Correr nelle segnalazioni di Europa.

Ora sì: Niemeyer è l’architetto più vecchio in attività. Avvenire e Libero piangono la scomparsa di Bruno Giacometti, fratello di Alberto, classe 1907: nato quattro mesi prima del papà di Brasilia. Vittorio Sgarbi lancia su Il Giornale il contromanifesto della cultura, anti Sole.

E mo’ ci toccherà pure il Codice Rembrandt? Il Venerdì legge La versione di Rembrandt, thriller che Laird Hunt ha costruito sulla base della Lezione di anatomia del Dottor Tulp (in Italia è arrivato con Alet Editore). Edward Kienholz al Tinguely di Basilea per i consigli che Germano Celant dispensa dalle pagine de L’Espresso. Urbino celebra in mostra la Città Ideale del Rinascimento, tra Raffaello e Mantegna: recensione su Panorama. Vittorio Zincone chiede a Michelangelo Pistoletto, per conto di Sette, che ne pensa delle star dell’arte: Hirst è avvisato, i toni non sono tenerissimi.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.