Il cinema celebra Gerhard Richter. Arriva a Toronto la pellicola che svela tutti i segreti del grande artista tedesco

Per molti è lui il più grande pittore vivente al mondo. Scomparsi anche Lucian Freud e Cy Twombly, Gerhard Richter si contende con pochissimi altri lo scettro di numero uno tra la rosa dei pittori contemporanei ancora in vita (si veda anche il sondaggio di Artribune, qui sotto). Un talento straordinario, celebrato dai maggiori Musei […]

still from Gerhard Richter Painting, a film by Corinna Belz, 2011

Per molti è lui il più grande pittore vivente al mondo. Scomparsi anche Lucian Freud e Cy Twombly, Gerhard Richter si contende con pochissimi altri lo scettro di numero uno tra la rosa dei pittori contemporanei ancora in vita (si veda anche il sondaggio di Artribune, qui sotto). Un talento straordinario, celebrato dai maggiori Musei internazionali: in cinquant’anni di carriera Richter, oggi quasi ottantenne, ha regalato una pittura commossa, intensa,  risolta in un’affascinante crasi tra astrazione e rappresentazione, illusione e realtà, immanenza della cosa e trascendenza dell’immagine.
A lui la regista tedesca Corinna Belz ha dedicato i suoi ultimi due anni di lavoro, buttandosi anima e corpo in un progetto complesso. Gerhard Richter Painting è la pellicola di 97 minuti scaturita da un lungo percorso accanto all’artista, sorta di cine-ritratto costruito nel tempo, grazie a un progressivo e delicato avvicinamento ai luoghi, i tempi, le abitudini e il pensiero del maestro.

Lui, da sempre restio ad interviste e telecamere, schivo, taciturno, affatto mondano, si è concesso via via allo sguardo della film maker, consentendole di entrare nel suo grande studio, di immortalare il processo creativo del suo lavoro, di ascoltare i suoi racconti, le sue riflessioni, le sue verità sull’arte sempre ammantate da un disincantato e granitico dubbio: “Io non credo in nulla”, dichiarò una volta. E così, anche nei dialoghi con Belz, o in quelli – accuratamente ripresi – con il suo gallerista, Marian Goodman, e con vari critici e collaboratori  – Richter lascia sempre sottesa questa straziante consapevolezza: nulla può esser detto, svelato o spiegato intorno alla pittura.

Gerhard Richter, Familie Schmidt, 1964

Ma non c’è solo il mistero del gesto pittorico al centro del docufilm. Gerhard Richter si sofferma sulla sua storia personale, l’educazione comunista, il periodo della propaganda nazista, la fuga con la moglie da Dresda verso la Germania Ovest, l’edificazione del muro di Berlino, gli studi a Dusseldorf, i rappporti con Polke e Baselitz, fino all’avventura nella Cattedrale di Colonia, di cui ha recentemente ridisegnato le grandi  vetrate riproducendo il suo celebre dipinto del ‘77, 4096 Colours, con migliaia di tasselli di vetro.
Il film, presentato lo scorso sabato al Festival di Toronto, con replica lunedì 12, avrà un’ultima proiezione il prossimo 18 settembre presso la sala Jackman Hall della Art Gallery of Ontario.

– Helga Marsala

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.