Cento giorni a Venezia. Stefano Cagol torna performer alla Chiesa di San Gallo, ecco foto e video

Il pubblico entra e si dispone lungo le pareti cercando con le mani un punto d’appoggio lungo le pareti della piccola chiesa di San Gallo. Buio assoluto. Silenzio assoluto. Poi, d’un tratto, una fiamma, accencante, illumina la stanza che un tempo fu luogo sacro e rende visibili tre piccole piramidi di metallo, piegate come origami. […]

Il pubblico entra e si dispone lungo le pareti cercando con le mani un punto d’appoggio lungo le pareti della piccola chiesa di San Gallo. Buio assoluto. Silenzio assoluto. Poi, d’un tratto, una fiamma, accencante, illumina la stanza che un tempo fu luogo sacro e rende visibili tre piccole piramidi di metallo, piegate come origami. Hanno forme e dimensioni diverse, si dispongono sul pavimento formando una casuale combinazione.
L’artista impugna la fiamma e si muove adagio nel tentativo di sciogliere gli spigoli, forse di smussare angoli. Tutto si svolge con rapidi bagliori. Fiammate fulminee, direzionate sulla cima di quei tre piccoli monti. In pochi minuti il lavoro è svolto e si riaccende il video Il Concilio, che Stefano Cagol – è lui l’artista – ha ideato per questa Biennale di Venezia, e che ora, dopo cento giorni, ripropone per quanti si erano persi la performance nei tumultuosi giorni di vernice. Qui, un uomo immerso fino alle ginocchia nella neve compare e si dissolve. Un fuoco in mano. Un tentativo di sciogliere cumuli di neve, sciogliere forse qualche angolo ghiacciato, dimenticato e lontano dalla civiltà, dalla vita di tutti i giorni.

Un linguaggio fatto di elementi: fuoco nelle mani, acqua e neve, terra e vento nel video. La neve non si scioglie, l’uomo non lascia alcuna impronta del suo passaggio, l’artista ripone il fuoco e nel buio silenzioso le immagini nordiche del suo video.

– Chiara Casarin

www.concilio-biennalevenezia.org


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Chiara Casarin
Chiara Casarin è curatore d’arte contemporanea, membro del Comitato Scientifico delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, membro del Comitato scientifico della Biblioteca Internazionale La Vigna di Vicenza e componente della Commissione per il nuovo Bailo dei Musei Civici di Treviso. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bologna e Dottore di Ricerca in storia dell’arte contemporanea (Scuola Studi Avanzati, Venezia – École des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi) dalla dissertazione ha pubblicato il saggio “L’autenticità nell’Arte Contemporanea” (ZeL Edizioni, Treviso 2015). Il suo percorso professionale coniuga la valorizzazione delle collezioni storiche con la ricerca sull’arte contemporanea e l’applicazione delle tecnologie digitali per la conservazione e la divulgazione del patrimonio storico artistico. È stata dal 2016 al 2020 Direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa. Ha condotto ricerche presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, ha lavorato presso la Fondazione Benetton Iniziative Culturali di Treviso, la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna.