L’Armata Rossa in versione Pop. Un misterioso creativo di strada “reinterpreta” un monumento al centro di Sofia…

Al loro risveglio, domenica scorsa, i cittadini di Sofia hanno trovato, in una delle piazze principali della città, uno sgargiante monumento alla cultura pop di matrice statunitense. Un anonimo – subito ribattezzato dalla stampa “il Banksy bulgaro” – ha infatti sapientemente trasformato un gruppo scultoreo dedicato all’Armata Rossa in un’accolita di supereroi e personaggi popolari: […]

Il monumento apparso a Sofia (Photo by Soho42 on Flickr)

Al loro risveglio, domenica scorsa, i cittadini di Sofia hanno trovato, in una delle piazze principali della città, uno sgargiante monumento alla cultura pop di matrice statunitense. Un anonimo – subito ribattezzato dalla stampa “il Banksy bulgaro” – ha infatti sapientemente trasformato un gruppo scultoreo dedicato all’Armata Rossa in un’accolita di supereroi e personaggi popolari: Superman, Babbo Natale, Ronald McDonald, il Joker, Captain America, Wolverine e Wonder Woman.
Se sia un artista o soltanto un vandalo, giudicate voi. Di certo l’esecuzione è impeccabile e il senso polemico dell’azione altrettanto chiaro (la scritta sotto recita “Al passo con i tempi”).
Il Ministro della Cultura bulgaro, assicurando che il monumento verrà ripulito al più presto (forse oggi stesso), non ha avuto esitazioni e ha bollato l’intervento come puro atto distruttivo: “Noi bulgari siamo guidati da questa sorta di forza distruttiva quando si tratta di monumenti di epoca socialista”.

– Valentina Tanni

Altri immagini del monumento

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.