Daniele Silvestri d’apres Cattelan. Arte e musica s’incontrano a suon di… scotch

Ormai si potrebbe scrivere un libro sul saccheggio portato alla cittadella dell’arte da parte della pubblicità televisiva e su carta stampata. Il mondo della musica è restato indietro fino a Lady Gaga, e ora in Italia è Daniele Silvestri ad aprire le danze: la copertina del suo nuovo tour cita brutalmente l’opera con cui Maurizio […]

Daniele Silvestri d’apres Cattelan - particolare

Ormai si potrebbe scrivere un libro sul saccheggio portato alla cittadella dell’arte da parte della pubblicità televisiva e su carta stampata. Il mondo della musica è restato indietro fino a Lady Gaga, e ora in Italia è Daniele Silvestri ad aprire le danze: la copertina del suo nuovo tour cita brutalmente l’opera con cui Maurizio Cattelan ha ri-fatto il giro del mondo.
Trovata geniale, quella del padovano-newyorkese in odore di “ritiro” dalla scena dell’arte, che aveva messo al muro il suo gallerista. A differenza del più rotondo Massimo De Carlo, per il quale era occorso il nastro americano per fissarlo al muro, il più esile e sorridente Daniele Silvestri “sta su” con ciò che sembra semplice scotch di carta. Questione di peso, nell’eterna diatriba estetica tra arte visiva e musica…

Nicola Davide Angerame

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Nicola Davide Angerame
Nicola Davide Angerame è filosofo, giornalista, curatore d'arte, critico della contemporaneità e organizzatore culturale. Dopo la Laurea in Filosofia Teoretica all'Università di Torino, sotto la guida di Gianni Vattimo con una tesi sul pensiero di Jean-Luc Nancy, inizia la collaborazione con quotidiani e riviste scrivendo d'arte ma anche di cinema, architettura e cultura contemporanea. In vent'anni di attività ha fondato e diretto, su modello delle Kunsthalle tedesche, la Galleria Civica di Alassio e la Galleria Civica di Andora. Ha fondato e diretto l'associazione culturale "whitelabs. Culture in progress" con sede e spazio espositivo a Milano. Fino ad oggi ha progettato e curato decine di eventi culturali e più di cento mostre personali e collettive di artisti e fotografi, italiani e stranieri, collaborando con istituzioni private e pubbliche in Italia e all'estero. Ha tenuto conferenze sui temi dell'arte e della filosofia in istituzioni italiane e straniere ed ha curato progetti culturali e mostre a New York, Seoul, Bangkok, Parigi, Berlino e Londra. Dopo aver vissuto e lavorato tra Milano e New York, attualmente vive e lavora a Torino, dove insegna Storia dell'Arte Contemporanea presso il Collegio Universitario Luigi Einaudi e dove tiene seminari presso l'Università degli Studi di Torino (cattedra di Estetica). Suoi articoli sono apparsi su Robinson (La Repubblica), L'Unità, Il Manifesto, Art Presse (Paris), Il Mucchio Selvaggio, Exibart, Arte e Critica, Artribune, Segno, FC Fotografia e [è] Cultura.