“E ora vogliamo la direzione del PAN”. Il collettivo Urto! presenta a Napoli l’Archivio Corrente Artisti Napoli

Urla sempre più forte, il neonato collettivo Urto!, che a pochi mesi dalla nascita ha già ottenuto dalla direttrice del PAN Marina Vergiani spazi e strumenti per una programmazione autogestita che ha prodotto seminari e convegni. Adesso i connotati dell’attività militante si fanno più netti, con la presentazione del progetto di punta, l’Ar.C.A.Na. – Archivio […]

da sx: Giuseppina Di Pasqua, Lorenzo Mantile, Marina Vergiani, Tony Stefanucci – Foto Paolo Varsalona, courtesy Urto!

Urla sempre più forte, il neonato collettivo Urto!, che a pochi mesi dalla nascita ha già ottenuto dalla direttrice del PAN Marina Vergiani spazi e strumenti per una programmazione autogestita che ha prodotto seminari e convegni. Adesso i connotati dell’attività militante si fanno più netti, con la presentazione del progetto di punta, l’Ar.C.A.Na. – Archivio Corrente Artisti Napoli, a cura di Lorenzo Mantile, Giuseppina Di Pasqua, Enrico Tomaselli, con consulenza di Tony Stefanucci e in collaborazione col PAN.
Un contenitore digitale e analogico vivo e in progress, come suggerito dal nome, che renda più accessibile e meno misterico il panorama degli artisti campani o entrati in relazione col territorio campano, anche con videointerviste. L’operazione fa uno sforzo di qualità – requisito di ammissione, l’aver realizzato almeno tre mostre di profilo professionale negli ultimi cinque anni – e mira alla diffusione, arricchendosi di attività collaterali come talks e mostre.

Ma la vera bomba è quella lanciata a inizio della conferenza stampa di illustrazione del progetto: “il collettivo – annuncia uno dei suoi responsabili, Sebastiano Deva – chiede al prossimo assessore alla cultura la direzione artistica del PAN”. Giovani, ma determinati…

– Diana Gianquitto

Il collettivo Urto! alla conquista del PAN

www.urto.napoli.it
www.palazzoartinapoli.net

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Diana Gianquitto
Sono un critico, curatore e docente d’arte contemporanea, ma prima di tutto sono un “addetto ai lavori” desideroso di trasmettere, a chi dentro questi “lavori” non è, la mia grande passione e gioia per tutto ciò che è creatività contemporanea. Collaboro stabilmente con Artribune dal suo nascere, dopo aver militato fino al 2011 in Exibart. Curo rassegne, incontri, mostre, corsi, workshops e seminari in collaborazione, tra gli altri, con il Pan – Palazzo delle Arti Napoli, il Forum Universale delle Culture 2010, la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Università Parthenope e le gallerie Overfoto e Al Blu Di Prussia. Sono da anni ideatrice, curatrice e docente di corsi e laboratori di avvicinamento all’arte contemporanea in numerosi enti culturali, condotti secondo una metodica sperimentale da me ideata che sintetizzo sotto il label di CCrEAA - Comprensione CReativa e Empatico Ascolto dell'Arte e che mira a promuovere un ascolto empatico dell’arte allo scopo di una sua comprensione, comunicazione, divulgazione e veicolazione più profonda e incisiva. La mia ricerca è orientata in particolare verso le forme espressive legate alle tecnologie digitali, all’immateriale, alla luce e all'evanescenza, a un’evocazione di tipo organico, a una ricognizione olistica del senso antropico ed esistenziale capace di armonizzare indagine estetica, sensoriale, cognitiva, emotiva e relazionale. [ph: Giuliana Calomino (particolare)]