Vissi d’arte. È il Giappone il re incontrastato nel “consumo” di mostre

La cronaca ci dice – tristemente – che certamente le cose cambieranno, causa forza maggiore (leggi terremoto). Ma adesso parliamo d’altro. Se nel vero e proprio boom dell’arte orientale, la Cina si mette in mostra a livello di mercato – sia per gli artisti protagonisti di aste e fiere d’arte, sia per il sempre più […]

La cronaca ci dice – tristemente – che certamente le cose cambieranno, causa forza maggiore (leggi terremoto). Ma adesso parliamo d’altro. Se nel vero e proprio boom dell’arte orientale, la Cina si mette in mostra a livello di mercato – sia per gli artisti protagonisti di aste e fiere d’arte, sia per il sempre più strutturato collezionismo -, il Giappone resta il leader incontrastato nel “consumo” dell’arte. Ovvero nei visitatori che accorrono alle mostre, almeno nelle analisi dell’anno 2010.
Secondo l’indagine condotta da The Art Newspaper – che ormai su questioni del genere ha assunto un ruolo praticamente istituzionale a livello globale -, delle prime cinque mostre più visitate al mondo nello scorso anno, ben quattro erano in Giappone. E le sorprese sono molte, e meriterebbero di essere prese in seria considerazione da chi si occupa di pianificazione e di trend culturali. Il primo posto è a schiacciante appannaggio di Hasegawa Tohaku, artista oggettivamente ignoto ai più, maestro del ‘500 levantino, che con la mostra al Tokyo National Museum è stato capace di richiamare oltre 12mila visitatori al giorno; schiacciante perché la stessa mostra, riproposta al Kyoto National Museum due mesi dopo, ha guadagnato anche il quarto posto, con 9.098 visitatori. In mezzo, al secondo posto, la mostra Post-Impressionism: from the Musée d’Orsay, al National Art Center di Tokyo, stesso museo che con Van Gogh: the Adventure of Becoming an Artist ha guadagnato anche il quinto posto, con 8.436 al giorno.
Unica eccezione al dominio  giapponese: un’altra eccezione. Il terzo gradino del podio è infatti occupato dall’esposizione di un (banale?) modello in gesso – di sei metri di altezza – per una statua di Abramo Lincoln, che è stato capace di attirare 9.290 visitatori al giorno alla National Gallery di Washington, in occasione della mostra Designing the Lincoln Memorial. L’Italia? Si difende con i 6.469 quotidiani per Hans Memling alla Galleria degli Uffizi di Firenze, mentre Caravaggio alle Scuderie del Quirinale di Roma ne ha richiamati 5.110 al giorno.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.