“La Trudo Tower di Eindhoven rappresenta per tutti noi il raggiungimento di un grande obiettivo: rendere accessibile anche agli inquilini con redditi bassi la tipologia Bosco Verticale, che stiamo sperimentando in diverse parti del mondo; per dimostrare che vivere a contatto con gli alberi e il verde – e goderne i vantaggi – non è prerogativa dei ricchi ma può diventare una scelta possibile per milioni di cittadini del mondo”: questo quanto affermato dall’architetto Stefano Boeri nel documentario dedicato al progetto di housing sociale realizzato in Olanda.

LE CARATTERISTICHE DELLA TRUDO TOWER DI EINDHOVEN

Si tratta di una torre di 70 metri di altezza, divisa in 19 piani, che ospita sulla sua struttura ben 135 alberi di varie specie su tutte le sue quattro facciate e 10.000 arbusti e piante di minori dimensioni. Trudo Bosco Verticale, è stata inaugurata lo scorso 1 ottobre 2021 e conta 125 appartamenti, tutti a canoni calmierati, per ospitare prevalentemente giovani coppie. Ogni abitazione si sviluppa su una superficie minore di 50 mq, ma con terrazze di oltre 4 mq dove è possibile trovare un albero e 20 cespugli.

GLI ABITANTI DEL BOSCO VERTICALE IN EDILIZIA POPOLARE

Quello di Eindhoven è il primo Bosco Verticale realizzato in edilizia popolare: tra i residenti, assegnatari per necessità e sorteggio, ci sono trenta persone socialmente svantaggiate, che hanno richiesto asilo, rifugiati politici e con disabilità, a dimostrazione che questo edificio vuole rappresentare una nuova idea di abitazione, inclusiva e aggregante. Perfettamente calata nella comunità di Strijp-S, quartiere nato dalla conversione di un ex polo industriale in centro creativo e residenziale, la Trudo Tower rappresenta un cambio di prospettiva importante nella pianificazione urbana.

“Grazie all’utilizzo della prefabbricazione, alla razionalizzazione di alcune soluzioni tecniche di facciata e quindi all’ottimizzazione delle risorse, il Bosco Verticale di Trudo raggiunge la sostenibilità economica, imprescindibile in edifici destinati all’edilizia sociale” afferma l’architetto Francesca Cesa Bianchi, partner e direttrice del progetto presso Stefano Boeri Architetti.

IL VIDEODOCUMENTARIO DEDICATO AL TRUDO TOWER BOSCO VERTICALE

Per raccontare questo straordinario progetto è stato realizzato un documentario firmato da The Blink Fish e qui presentato in un unico video, visibile anche in tre puntate sul profilo Instagram Stefano Boeri Architetti. Nel filmato lo stesso Boeri, l’agronoma Laura Gatti e gli altri progettisti e professionisti coinvolti nella realizzazione della torre, ne tratteggiano le caratteristiche uniche e svelano i dietro le quinte di questa innovativa struttura.

Dati correlati
AutoriStefano Boeri Architetti, Stefano Boeri
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Pisa
Vive a Roma dove si è laureata in Scienze politiche e Relazioni internazionali. Da sempre si occupa di cultura e comunicazione digitale. Dal 2015 è pubblicista e per Artribune segue le attività social.