Un uomo giace senza vita all’interno di una stanza spoglia, ad un tratto qualcuno compare nella camera e si avvicina al letto dove si trova la salma riconoscendo sé stesso nel volto del cadavere. La scoperta però non sembra così sconvolgente ed entrambi i corpi si ritrovano poeticamente uniti da un unico e solenne abbraccio. È questo il soggetto del nuovo cortometraggio scritto da David Cronenberg, maestro indiscusso dell’horror contemporaneo che, in quest’occasione, veste sia il ruolo di sceneggiatore che di protagonista. Diretta da Caitlin Cronenberg (figlia del regista), la surreale opera approda online interrompendo così un’assenza dalle scene durata sette anni, considerando che l’ultimo lungometraggio di Cronenberg, Maps to the stars, risale al 2014.

Una novità per Cronenberg

A differenza degli altri film scritti dal cineasta canadese, The death of David Cronenberg – questo il titolo del corto – ci mostra forse il suo lato più intimo e fragile, fattori che si possono riscontrare tanto nell’età anagrafica dell’autore (prossimo a spegnere ben 80 candeline), quanto nella scena iniziale del breve video. Strizzando l’occhio alla parte conclusiva di quel capolavoro psichedelico che è 2001 Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, la prima inquadratura del corto è appunto dominata da un’atmosfera mistica rintracciabile soprattutto nell’elemento della luce che mette in evidenzia un ambiente architettonico fortemente caratterizzato da forme triangolari.

Anche il cinema in NFT

Oltre alla natura del soggetto, la particolarità principale del cortometraggio risiede nella sua brevità. A determinare la durata del video è infatti la sua stessa destinazione poiché The Death of David Cronenberg è stato concepito per essere messo in vendita, come NFT, sulla piattaforma digitale SuperRare. Messo all’asta lo scorso 14 settembre – partendo da un’offerta di 0,1 Ethereum –, il video è stato recentemente acquistato per 25 ETH, circa 71mila dollari. L’esperimento dei Cronenberg è solo l’ultimo esempio di una tendenza che sta prendendo sempre più piede: una modalità destinata non solo a cambiare la fruizione delle opere cinematografiche ma, soprattutto, lo stesso modo di fare cinema.

Dati correlati
Generecinema
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Esploratore visivo nato a Napoli nel 1984. Si occupa, sia come artista che come curatore indipendente, dell’impatto delle immagini nella società contemporanea e di tutto ciò che è legato alla sperimentazione audiovideo.
Tra le mostre recenti alle quali ha partecipato: Multipli e Unici (Edicola Radetzky, Milano, a cura di REPLICA, 2019), VI Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea (Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa, 2019), Settima edizione del Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee (Villa Brandolini, Pieve di Soligo, a cura di Carlo Sala, 2018). 
Tra le principali esperienze curatoriali: le mostre collettive Le conseguenze dell’errore (TRA Treviso Ricerca Arte, 2019) e L’occhio tagliato (Casa Capra, Schio, 2018), il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova, 2016), il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa esposizione collettiva TorchioFolks, (atelier Palazzo Carminati della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, 2015/2016). È inoltre fondatore, insieme a Davide Spillari, del progetto editoriale BANANE FANZINE e co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012).
Collabora con Kabul Magazine e NOT. Attualmente vive tra Torino e il web.