Il villaggio egiziano di Al-Qaramous è uno degli ultimi luoghi al mondo dove ancora si produce carta di papiro. Il processo, antico di oltre cinquemila anni, dopo essere praticamente scomparso – la stessa pianta si estinse in territorio egiziano nel corso del diciannovesimo secolo – è stato recuperato e reinventato da un gruppo di artigiani locali negli anni Settanta del Novecento, dando il via a un fiorente business, alimentato soprattutto dalla vendita di dipinti con soggetti tradizionali ai turisti. Nell’ultimo periodo, tuttavia, a causa della pandemia, la richiesta di questo genere di artefatto è calata drasticamente e la pianta è di nuovo a rischio estinzione. I pochi artigiani che rimangono sono però determinati a portare avanti questa antica tradizione, che è ormai parte integrante della loro economia ma anche del tessuto sociale e creativo.
In questo video, prodotto da Business Insider, si racconta l’affascinante storia degli ultimi produttori di papiro al mondo, con riprese inedite e interviste.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.