Il senso dello scorrere del tempo e la differente percezione di esso in relazione alle varie fasi della vita. È questo il tema di Five minutes to sea, ultimo gioiellino di animazione della regista armena Natalia Mirzoyan.
Presentato in oltre cento festival del globo e vincitore di svariati riconoscimenti, il cortometraggio si sofferma in particolare su una piccola e buffa ragazzina smaniosa di tuffarsi in acqua: “voglio nuotare!”, grida a gran voce, mentre la mamma la costringe a rimanere altri cinque minuti (solo cinque minuti) accanto a lei. L’attesa è interminabile: seduta sulla sabbia la bambina conta i secondi che passano. E sono come macigni: le lancette scorrono con grande fatica, e più il tempo passa e più la realtà sembra distorcersi grazie al potere dell’immaginazione.
A bilanciare l’insofferenza e l’agitazione della piccola è la coppia di anziani a pochi passi dalla sua postazione: la nonnina e il marito si muovono con lentezza: ogni passo sul bagnasciuga è un pugno di secondi che vola via, e il tempo che passa ha tutto un altro sapore per loro. Tutta un’altra consistenza. Un video adorabile, tecnicamente squisito e persino commovente. Da gustare con calma, fotogramma dopo fotogramma.

Dati correlati
AutoreAlex Urso
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.