Il primo albero dell’Easyhome Huanggang Vertical Forest City Complex, situato a Huanggang, nella provincia cinese di Hubei, è stato posizionato. Una gru lo ha sollevato al venticinquesimo piano, a novanta metri da terra; si tratta di un Osmanthus fragrans, specie nativa della zona, a cui si aggiungeranno, per ogni torre, altri 395 alberi, 3.600 arbusti e 12.000 perenni. Anche nelle torri della Nanjing Vertical Forest, (il primo Bosco Verticale realizzato in Asia da Stefano Boeri Architetti), gli alberi hanno iniziato a raggiungere i balconi che andranno ad ospitare complessivamente 27 specie vegetali autoctone, 600 alberi di grandi dimensioni, 200 alberi di taglia medio e oltre 2.500 tra arbusti e piante ricadenti.
Siamo felici che anche in Cina il concetto di Bosco Verticale cominci a diffondersi. Le torri di Huanggang e di Nanjing sono destinate – come è stato per il primo Bosco Verticale realizzato nel 2014 a Milano – a diventare un modello di riferimento per l’architettura verde e sostenibile in Cina e nel Paesi del Sud Est asiatico”, ha commentato Stefano Boeri, fondatore con il partner Yibo Xu di SBA China. I due nuovi complessi inaugureranno, rispettivamente, a febbraio e maggio 2021.

ACQUISTA QUI il “libretto di istruzioni” di Stefano Boeri per i boschi verticali

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.