In un periodo complesso come quello che stiamo attraversando, il valore della socialità sembra essere messo duramente alla prova. Cosa significa essere vicini? E quanto è cambiato il concetto di distanza all’interno di un mondo tecnologico e iperconnesso come il nostro? Sembra partire da queste domande We, l’accattivante video frutto della collaborazione tra le designer e registe di animazione Martina Stiftinger e Rita Louro.

UNA METAFORA DEI RAPPORTI UMANI

Realizzata su commissione dello studio parigino Motion Plus Design, l’opera presenta una sequenza di strutture fluide che si toccano, si intrecciano, cadono in frantumi o rimangono saldamente unite. Accompagnate da una base minimal composta da Ambrose Yu, le forme “danzano” soggette a infinite forze esterne che ne condizionano la stabilità, convivendo oppure scontrandosi all’interno dello stesso spazio tridimensionale.
Ambigue eppure elegantissime, esse sono una metafora delle nostre relazioni. Non si vedono corpi né braccia che si sfiorano. Non ci sono mani che si accarezzano né volti che reclamano il contatto. Eppure la sensazione è quella di avere di fronte qualcosa che ci assomiglia: esseri viventi che si avvicinano o si lasciano, che si scambiano di posto o si allontano senza pronunciare addio. Qual è il terreno che siamo disposti a cedere per non sentirci soli?

Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.