L’artista tedesca Katharina Grosse (1961) famosa per le sue grandi installazioni multicolore, ha realizzato una nuova opera negli spazi dell’Hamburger Bahnhof – Museum für Gegenwart di Berlino, ex stazione ferroviaria convertita in museo, occupando sia l’interno che parte dell’esterno: “ho dipinto la mia via d’uscita dall’edificio”, spiega la Grosse. L’intervento monumentale, commentato in questo video dall’artista insieme alla direttrice del museo Gabriele Knapstein, si intitola It wasn’t us e consiste in una presenza scultorea coloratissima che richiama una formazione naturale di roccia o ghiaccio, che sembra poi colare sul pavimento portando la sua scia di arcobaleno fino all’esterno.

UN INNO ALLA COMPLESSITÀ

La scelta del luogo ha influenzato lo sviluppo della pittura, così come i punti di vista costantemente mutevoli dello spettatore e le interazioni inaspettate con l’opera influenzano il nostro modo di percepire l’opera nell’allestimento della mostra”, spiega Gabriele Knapstein insieme al curatore Udo Kittelmann, “in questo senso, il titolo dell’opera, ‘non eravamo noi’, può essere inteso come un riferimento alla complessità intrinseca e all’imprevedibilità di una data situazione, sia che si tratti delle condizioni in cui gli artisti creano il loro lavoro, sia delle condizioni in cui il lavoro viene successivamente fruito”.

Dati correlati
AutoreKatharina Grosse
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.