L’arte medievale appare agli occhi contemporanei come un luogo pieno di strane apparizioni, disegni misteriosi e figure deformi. La grande importanza accordata al valore simbolico delle immagini, oltre alle profonde implicazioni religiose e morali che la rappresentazione del mondo portava con sé, rendono l’interpretazione delle raffigurazioni di questo periodo storico particolarmente difficile.
In un interessante video-saggio pubblicato dal magazine Cheddar, la questione che viene affrontata è, nello specifico, quella della rappresentazione dei gatti all’intero di miniature, disegni e dipinti medievali. La speaker Ali Larkin, con l’aiuto di Damien Kempf, professore di arte medievale all’Università di Liverpool, spiega con efficacia i motivi – perlopiù di natura religiosa – per cui i felini assumevano spesso forme mostruose, deformi oppure mescolate con le sembianze umane.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.