Dopo la lunga pausa causata dall’emergenza coronavirus, tornano gli studi d’artista ai Mercati di Traiano. Il progetto Live Museum Live Change, che da febbraio anima questo luogo storico di Roma con interventi ad hoc, presenta l’installazione realizzata da Fabio Pennacchia (Latina, 1983), che segue quelle di Iginio De Luca e Sonia Andresano.
Tre elementi – un cono di terracotta, un pendolo di terra cruda e una pianta di vite sospesa nel tempo – compongono l’opera di Pennacchia, che invita così l’osservatore ad immergersi in uno stato meditativo. Il peso dell’effimera eternità, si legge nella presentazione dell’opera, “è un artificio naturale dove le energie in gioco sono messe a nudo e lo slancio della vita affronta una gentile e inesorabile crescita. Così, l’artista indaga la percezione del tempo e riflette sulle forze intrinseche e sulle tensioni vitali che agiscono sul nostro ambiente”.
Live Museum Live Change è un progetto di PAV, realizzato nell’ambito dell’Avviso Atelier Arte Bellezza Cultura della Regione Lazio, con la collaborazione di Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.