Georgia O’Keeffe (1887 – 1986) è un’artista di difficile classificazione. Anche se viene normalmente considerata una figura di spicco del Modernismo Americano, le sue opere sono sempre state così personali da rendere impossibile la loro associazione con un movimento artistico singolo e definito.
In questo video, realizzato per TED da Iseult Gillespie e Lisa LaBracio, la storia della pittrice e scultrice americana viene raccontata con sintesi ed efficacia, partendo dai suoi primi disegni giovanili fino ad arrivare alle opere della maturità. Affascinata dal mondo naturale, Georgia O’Keeffe seguì per tutta la vita un metodo ascetico e solitario, isolandosi in panorami desertici e studiando meticolosamente ogni sfumatura di colore. L’interpretazione freudiana che veniva spesso fatta davanti ai suoi dipinti floreali – ritenuti da molti critici rappresentazioni simboliche degli organi genitali femminili – fu categoricamente rifiutata dall’artista che, come spiega Gillespie: “disprezzava lo sguardo maschile che dominava il mondo dell’arte e desiderava che il proprio lavoro fosse apprezzato per la sua evocazione emotiva del mondo naturale”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.