Stanley Kubrick (1928 – 1999), uno dei registi più amati della storia del cinema, ci ha lasciato una filmografia vasta e di incredibile livello. Altrettanto vasta è l’aneddotica che circonda la sua carriera, messa insieme negli anni da collaboratori, attori e giornalisti. Oggi un film cerca di ricostruire questa imponente personalità usando come filo conduttore la voce dello stesso Kubrick.
Kubrick by Kubrick, documentario diretto da Gregory Monro che avrebbe dovuto debuttare al Tribeca Film Festival di New York in questi giorni – rimandato a causa dell’emergenza coronavirus – è basato su una serie di interviste che il regista di Arancia meccanica ha rilasciato al critico francese Michel Ciment. L’audio di quelle interviste viene utilizzato come commento alle immagini dei film del maestro, che vengono a loro volte montate insieme a filmati inediti concessi dalla famiglia Kubrick.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.