Un eccezionale tributo alla potenza visiva della filmografia di Stanley Kubrick (1928-1999), nel ventesimo anniversario della sua morte. L’autore è il filmmaker Richard Vezina, che aveva iniziato il progetto nel 2003, pubblicandolo per la prima volta nel 2011. Oggi il video torna in versione aggiornata e in alta definizione, mettendo insieme alcune delle scene più memorabili firmate dal regista americano, accompagnate dalle incantevoli note di Summoning of the Muse, un brano dei Dead Can Dance cantato da Lisa Gerrard.
Diviso in due sezioni tematiche (Symmetry and Chaos e Love and Memory), il filmato mette in evidenza l’inconfondibile stile di Kubrick; la sua capacità di incollare lo sguardo allo schermo con immagini studiate nella composizione e infuse con significati multipli e intrecciati. Dallo stargate di 2001 Odissea nello Spazio alle maschere di Eyes Wide Shut, passando per gli indimenticabili piani sequenza di Shining e alla violenza di Full Metal Jacket, una carrellata imperdibile.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.