Entrare in un bar da solo e sentirsi a disagio. Scegliere un posto, magari il più lontano da tutti, evitando volutamente persone e sguardi indiscreti. Parte da questa immagine Facing it, il nuovo cortometraggio del regista Sam Gainsborough: un’animazione che mescola azione dal vivo e stop motion, con l’obiettivo di indagare il delicato tema dell’ansia sociale.
Protagonista della storia – dalla durata di sette minuti circa – è Shaun, un ragazzo con chiare difficoltà relazionali. Seduto al tavolo di un pub, il giovane evita ogni tipo di contatto: il desiderio di prender parte alle discussioni dei suoi coetanei e fare nuovi amici è forte, ma non tanto quanto l’incapacità di fare il primo passo, stretto com’è nella morsa della timidezza. La bocca si censura, il corpo si blocca: la trappola dell’inibizione emotiva costringe il ragazzo a rimanere da solo, confinato nel proprio spazio.
Assalito dalla paura dell’altro, e dai possibili pregiudizi di chi gli sta intorno, Shaun si lascia andare ai ricordi più cupi: la presenza ingombrante dei genitori iper-protettivi e le esperienze traumatiche vissute durante l’infanzia tornano alla mente, facendo accresce il sentimento di malessere, splendidamente espresso dai “giochi” di plastilina che deformano continuamente il volto del ragazzo. A concludere il breve video, un urlo liberatorio: un gesto che spinge il protagonista a slegarsi da ogni catena, pronto ad affrontare il mondo.

– Alex Urso

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.