La storia non esiste. Non puoi farla in maniera davvero oggettiva. Quindi per me, la storia è come creta, come argilla, qualcosa con cui puoi costruire, creare qualcosa”. Così Anselm Kiefer (1945) spiega il suo rapporto con la storia, un elemento sempre molto presente nelle sue opere. L’artista tedesco, che proprio in questi giorni è stato in Italia per un’eccezionale visita privata ai Sette Palazzi Celesti, celebre installazione in mostra permanente all’Hangar Bicocca di Milano, descrive il suo rapporto con il passato in un video girato al museo SFMOMA di San Francisco.
Circondato da alcuni suoi dipinti che risalgono agli anni Ottanta, ricorda alcuni dei suoi progetti giovanili, come la serie fotografica Heroic Symbols (Heroische Sinnbilder) del 1969, per poi passare ai celebri quadri della serie Die Meistersinger, ispirati all’opera di Richard Wagner e alla mitologia tedesca in generale.

Dati correlati
AutoreAnselm Kiefer
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.