Una donna sola, su una barca, pronta a lasciare la riva. Ma molti dettagli nell’immagine ci fanno capire che non si tratta di una scena idilliaca, a cominciare dalle sembianza del volto, addolorato ed esangue. The Lady of Shallot di John William Waterhouse è stato dipinto nel 1888 ed è il terzo quadro di una trilogia dedicata al personaggio, la cui storia viene raccontata in un poema di Alfred Lord Tennyson.
In questo video, realizzato dalla Tate di Londra (il museo in cui è conservato), le tre opere vengono descritte nel dettaglio, analizzando anche la simbologia dei tanti oggetti presenti, dipinti con maestria e amore per il particolare: dall’arazzo ai fiori, dagli uccelli alla superficie dell’acqua. La storia, ambientata nel leggendario regno di Re Artù a Camelot, ha come protagonista una donna colpita da una maledizione: non può lasciare la torre in cui è rinchiusa e può guardare il mondo esterno solo attraverso uno specchio. La decisione di guardare comunque fuori, e poi di uscire, spinta dal desiderio amoroso, la porterà alla morte.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.