Diretto da Fernanda Romandía, Just Meet è un documentario in grado di offrire un ritratto intimo dell’architetto giapponese Tadao Ando (1941), sfruttando la sua stessa voce come guida narrante. In particolare, il film segue il protagonista durante la costruzione di Casa Wabi, sede dell’omonima fondazione no profit per l’arte messicana istituita dall’artista Bosco Sodi e diretta da Patricia Martin. Lo spettatore può così seguire i progressi dell’edificio, assistendo alla sua lenta formazione, mentre il vincitore del prestigioso Pritzker Prize racconta la sua passione per l’architettura e l’arte. Partito come autodidatta, Ando spiega come il suo lavoro nasca principalmente dall’osservazione: “guardare i falegnami al lavoro mi emoziona”, spiega Ando, “quando avevo quindici anni, li osservavo lavorare, dall’alba al tramonto, e fu allora che capìì che avrei voluto diventare un architetto. E quando l’architettura iniziò ad abitare il mio cuore, sentii che potevo capirla”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.